Allenamento Fitness

Tutto ciò che riguarda il Fitness lo sport l'allenamento e l'alimentazione

Scarica Gratis Adesso!
"IL SEGRETO DEL FITNESS IN 7 MINUTI"
L'ebook per la cura del tuo corpo in soli 7 minuti al giorno

Nome:
Email:

allenamento e terza età

 

Oggi “surfando” sulle notifiche di Facebook sono incappato in una condivisione di Marco Neri, un affezionato lettore del blog e partecipante ai miei corsi dal vivo “Creattività Sempre Fitness!” e “Intelligenza Motoria“. Marco mi ha segnalato un articolo che riguarda un argomento che mi sta a cuore: fitness e anzianità!

Mi capita spesso di parlare con persone che hanno superato la fatidica soglia degli “anta” e alcune di loro iniziano ad “attaccarsi” alla scusa degli anni che passano, per oziare ed evitare di prendersi la responsabilità della propria salute fisica e mentale. Le “decadi” che passano non fanno altro che aumentare questa propensione alla “resa”…. :-) . Così a 40 anni magari non si ha più l’età di imparare ad usare lo Snowboard o a pattinare  (sempre che interessi :-) ), a 50 non si può più imparare a ballare a 60 non si può più dimagrire o avere un corpo tonico e così più passano gli anni e più alcune persone si autolimitano…

Come dico sempre ai miei corsi, l’anzianità è un atteggiamento…. e se ti atteggi da anziano agirai anche da anziano e quindi agirai sempre meno…  Sono le azioni di una persona che rendono la sua vita più o meno straordinaria..

Occorre ricordarsi sempre che “la funzione giustifica l’organo” e che meno stimoli il tuo corpo a rimanere attivo/vivo più invecchierà velocemente…. Pensa per esempio alla “sindrome del pensionato”…. Ti sarà capitato sicuramente di vedere parenti più o meno stretti, amici o semplici conoscenti molto “in gamba”, riempirsi di “acciacchi” ed ammalarsi poco dopo essere andati in pensione….

Sai perchè accade questo..? Non certo per colpa degli “anni che passano”…. Quando queste persone “vanno in pensione”, cambiano radicalmente le loro abitudini, si muovono meno, non mantengono “allenato” il loro corpo, la loro mente e il loro spirito…, non hanno obiettivi… e inesorabilmente il processo d’invecchiamento subisce una brusca accelerazione….

In pochi si rendono conto che “l’età della pensione” è uno dei momenti in cui ci si può maggiormente prendere cura del proprio corpo. Si ha tantissimo tempo a disposizione per allenarsi… :-) Seguo personalmente clienti “pensionati” che si allenano più di me… :-D :-D :-D

Dai un motivo al tuo corpo di rimanere “in vita” e lui ti ripagherà con un migliore livello di salute.

Devi sapere che nulla ti è precluso con gli “anni che passano”, puoi ottenere fantastici livelli di tono muscolare, dimagrire come mai fatto prima durante gli anni della giovinezza e della “maturità”…. Esistono infiniti casi di persone che iniziano a fare attività motoria dopo essere andati in pensione e ottengono ottimi risultati in termini di salute e miglioramento della qualità della vita.. Esistono anche persone che si “spingono oltre” e fanno cose strabilianti…

Ecco di seguito alcune foto tratte dall’articolo oggetto di questo mio post… :-)

 

Lloyd Kahn ha iniziato ad andare in Skateboard a 65 anni, ora ne ha 79 e continua a farlo… :-D

Yvonne Dole, 89 anni ancora pattina…

A 88 anni Johanna Quaas, ginnasta,  ha iniziato ad allenarsi a 56.

Credo che queste foto “parlino da sole”….. ;-) :-) .

Ora, prima di salutarti, è doveroso fare una considerazione… Gli esempi riportati in questo articolo sono ovviamente rarità e delle persone straordinarie… Conosco giovani ragazzi che non sarebbero in grado di fare queste cose nemmeno a 20 anni…., figuriamoci a 70 o 80…. :-D …. Il messaggio che voglio che passi è che se dai “un motivo” al tuo corpo di continuare ad essere giovane…, lui rimmarrà giovane……, molto semplice… :-) , viceversa, invecchierà prima del tempo….

Ciao, a presto, al prossimo aggiornamento! :-)

Vuoi approfondire l’argomento..? Lascia un commento, sarò felice di risponderti ;-) !

P.s.: vuoi migliorare la tua consapevolezza in ambito di dimagrimento e tonificazione e su quali sono i reali limiti del tuo corpo? Oggi riaprono le iscrizioni ad INTELLIGENZA MOTORIA, il mio corso dal vivo per scoprire finalmente tutto quello che abitualmente ti viene nascosto!! ;-)

Allenamento per dimagrire: la richiesta di Emma

12 gennaio 2015 Scritto da Marco Caggiati in Allenamento Dimagrimento

Allenamento DimagrimentoL’articolo di oggi è dedicato a Emma, una lettrice del blog che mi “chiede aiuto” per risolvere i suoi problemi di grasso in eccesso, ritenzione idrica e cellulite.

Ecco cosa mi ha scritto Emma:

“Ciao Marco, leggendo il tuo blog ho visto che tante ragazze ti chiedono consiglio… allora ho deciso di farlo anche io :D ! Sono Emma, ho 22 anni e ti scrivo per il problema fatidico delle ragazze..le gambe! (ti ho allegato le foto per mostrartele).

 Come dicevo ho 22 anni, sono alta 1.61 e peso 54 kg. nella parte alta del corpo sono magra ma ho la classica forma “a pera” e quindi il grasso è tutto dalla vita in giù (localizzato soprattutto all’interno e visibile soprattutto quando mi siedo, vedi foto). Era molto tempo che ero ferma ma da settembre ho ripreso ad andare in palestra (ci vado circa 4 volte a settimana).

 Ti scrivo perchè non so bene che esercizi fare, ho iniziato con una scheda semplice in cui per le gambe faccio gli squat (attualmente con 30 kg) gli affondi con 5 kg per parte, la macchina per adduttori e abduttori, la leg press..insomma, la solita scheda che danno in cui c’è un po’ di tutto ma niente di specifico.

So che i miracoli non esistono, la mia forma è questa e me la terrò per sempre ma volevo chiederti consiglio su come poter almeno un po’ migliorare, magari perdere qualche centimetro. Devo fare esercizi con peso? Senza? Magari più esercizi aerobici..o, se proprio dovrei fare altro,  (il fatto è che la palestra mi è comoda perchè posso decidere gli orari in cui andare, in quanto facendo l’università ho libera solo la sera)..ti prego dammi qualche dritta su un allenamento che potrei fare..sono disperata!

Inoltre pensavo di andare da un nutrizionista per farmi prescrivere una dieta..ma cosa devo chiedergli?? Potresti darmi un’indicazione su cosa possa chiedergli? Una dieta contro la cellulite? Perché l’ultimo a cui mi ero rivolta mi ha detto che essendo normopeso non avrei avuto bisogno di dieta.


Ti riporto inoltre le mie misure:

vita: 68 cm
circonferenza a circa metà del sedere: 92 cm
circonferenza coscia (subito sotto la linea del sedere): 55 cm
polpaccio: 35 cm

 

Le “questioni” sollevate da Emma sono tante ed è difficile fornire risposte univoche. Prima di tutto Emma voglio tranquillizzarti perché c’è soluzione ai tuoi problemi !! :-)

Dici di avere genotipo “a pera” (tecnicamente si chiama ginoide), ma in realtà non è poi così vero (i tuoi accumuli di massa grassa sono presenti anche sulla vita, nella zona lombare e nelle braccia). La forma “ginoide” è oggettivamente diversa, quindi tranquilla, la tua struttura genetica ti permette di ottenere un obiettivo estetico assolutamente gradevole. :-)

Detto questo, ora vediamo insieme come risolverli. Emma, ti manca una STRATEGIA, manca una PROGETTO che ti permetta di considerare e mettere in pratica tutte le AZIONI in merito all’allenamento e all’alimentazione che ti permettano di raggiungere i tuoi obiettivi.

Senza un progetto.., è difficile, se non impossibile, costruire “la casa” che vuoi…., quindi Emma ora vediamo insieme come “gettare le fondamenta” e stilare un elenco sintetico delle AZIONI che devi fare.

1. Ti serve una dieta ipocalorica…., non “c’è niente da fare”…., il dietologo che hai consultato molto probabilmente considera meramente il rapporto peso altezza (BMI) senza considerare la tua composizione corporea, senza valutare che parte del tuo peso è costituito da massa grassa e acqua extracellulare in eccesso…, lo si vede evidentemente da quanto sia spessa la tua plica cutanea nell’immagine qui sotto… Devi creare un deficit calorico…., altrimenti il grasso in eccesso non avrà nessun motivo per “andarsene” dal tuo corpo…

2. Hai bisogno di un allenamento che venga calibrato considerando la tua dieta…, a tal proposito ti ricordo che la parola “DIETA” significa un corretto stile di vita alimentare e motorio…, quindi non esiste allenamento senza “dieta” e “dieta” senza allenamento. Motivo per il quale seguo tutti i miei clienti, sia per quanto concerne l’allenamento che l’alimentazione (tramite la mia dietista). Detto questo…, devi trovare qualcuno che segua entrambe le cose (allenamento e dieta)…, altrimenti il rischio d’insuccesso è altissimo.

3. Come allenamento ti consiglio circuiti a corpo libero, nel tuo caso l’utilizzo di sovraccarichi (i pesi) è inopportuno. Devi aumentare il tono muscolare senza aumentarne i volumi, lavora soprattutto su glutei e ischiocrurali (parte posteriore della coscia) e dedica tempo ed energie anche all’allenamento dei muscoli addominali e degli arti superiori (allargare, con moderazione, le spalle ti permette di avere un aspetto più armonioso).

4. Fai 4 allenamenti alla settimana da un minimo di 30 minuti a un max di 60, due dedicati al lavoro cardiovascolare (l’ideale per te sarebbe il nuoto per il notevole effetto drenante dell’acqua, se non sei capace di nuotare…, opta per la corsa) e due alla tonificazione a circuito.

5. Elimina dalla tua dieta il sale da cucina e limita il più possibile quello negli alimenti (salumi, formaggi, prodotti surgelati, sono le principali fonti di sodio che si introducono con gli alimenti e che causano la ritenzione idrica).

So che non ho risposto a tutti i tuoi “dubbi” anche perché è impossibile farlo in poche righe, ma seguendo questi 5 consigli puoi già portare significativi cambiamenti alla tua strategia.

Inoltre puoi trovare ulteriori informazioni su come combattere grasso in eccesso e cellulite nei precedenti articoli che ho scritto in merito.

Per oggi è tutto, al prossimo aggiornamento! :-)

P.s.: Emma….., ti piacerebbe raggiungere i tuoi obiettivi allenandoti solo 4 volte alla settimana per soli 30 minuti…?  Se la risposta è si…, rimani sintonizzata sul blog (e se non ti sei già iscritta alla newsletter fallo ora…. :-) ) perché ho in serbo per te, e per tutte le ragazze che hanno i tuoi stessi problemi, una sorpresa… ;-) .

Oddio le feste Natalizie! Allenamento e dieta

29 dicembre 2014 Scritto da Marco Caggiati in Alimentazione, Allenamento

 

Le feste natalizie sono arrivate e ormai ci siamo dentro a “piedi pari”! :-) So che in molti sono preoccupati perchè organizzare allenamenti ed alimentazione per “limitare i danni” non è sempre facile.

Inviti a cena, aperitivi, visite parenti, scombinano le routine che siamo soliti tenere quando si lavora… Si dorme qualche ora in più…, ci si alimenta con cibi prevalentamente iper calorici e, per assurdo, anche se si ha più tempo a disposizione per gli allenamenti…, spesso va a finire che si fa largo il pensiero: “vabbè…, ci penserò l’anno prossimo”.

Di’ la verità…, anche a te è capitato di pensarlo….. :-D ;-) Essendo fatto “di carne e di ossa”, anche io ho le tue stesse problematiche ma…, a mio vantaggio, giocano le conoscenze e le strategie che applico quoditianamente.

Se sei una persona “controllata” e abitualmente ti alimenti correttamente e pratichi regolare attività fisica per 3/4 volte alla settimana non dovresti avere particolari problemi. Durante i giorni di “festa” (24-25-26-31 Dicembre e 1 e 6 Gennaio) puoi assolutamente prenderti tutte le “licenze” del caso, in quanto, ricordati, è sempre la media dei tuoi comportamenti che fa la differenza… :-) .

Prendiamo “in esame” Dicembre…..e facciamo finta che nei giorni appena elencati tu ti comporti in stile “liberi tutti” e ozi tutto il giorno associando una dieta ipercalorica fuori da ogni controllo…. Stiamo parlando di 4 giorni su 31…. Durante i 4 giorni di “delirio” ti senti in colpa e immagini le cose peggiori tipo: “chissa quanti kg avrò messo su…., oddio la cellulite, quanto ci impiegherò a ritornare come prima….ecc..”, ma in realtà.., in questi giorni accade ben poco.., come accadrebbe poco se tu facessi esattamente il contrario…. Che beneficio ti porterebbe mangiare bene e allenarti correttamente solo 4 giorni du 31…..? :-) Poco o meglio…, niente….. ;-) . Quindi…, la prima cosa da fare è essere lucidi e avere i “piedi ben radicati per terra”… Calma e sangue freddo…. :-D :-D .

Già solo questa considerazione dovrebbe tranquillizzarti, ma voglio per te fare di più….. e svelarti la mia strategia per vivere meglio questi giorni…

Ecco in 4 mosse come comportarti.

Mossa 1

Se sai che uno dei due pasti quotidiani sarà a base di cibi ipercalorici, ricchi di grassi, proteine di origine animale, alcolici, compensa “l’altro” pasto con alimenti di origine vegetale, soprattutto frutta e verdura e bevi tanta acqua e/o tisane depuranti.

Mossa 2

Il giorno successivo ad un pasto da “nababbo”, se riesci, fai una sauna o un bagno turco. Sudare ti permetterà di eliminare le tossine accumulate e ritornare più velocemente al tuo abituale equilibrio.

Mossa 3

Durante gli eventuali aperitivi bevi bevande analcoliche possibilmente ipocaloriche… Non amo le bevande edulcorate con dolcificanti artificiali come l’aspartame…, ma in questi casi possono venire in aiuto… L’ideale sarebbe bere, come sempre, acqua…. e, se ti vergogni a chiedere “solo” dell’acqua, allora ti consiglio una spremuta d’arancia…. ;-) .  A proposito di aperitivi.., attenzione alla frutta secca .., ottimo alimento ma ipercalorico….. Arachidi, noci, mandorle, anacardi, pinoli ecc… sono da mangiare con estrema moderazione e so che .. è veramente difficile… :-) . Ti consiglio di non andare oltre alla quantità che può stare nel palmo della tua mano…

Mossa 4

Dopo circa 1 – 2 ore (a seconda della velocità con la quale digerisci), dopo un pasto abbondante fai una camminata, una corsa o una pedalata, decidi tu.., l’importante è che sia un allenamento di tipo aerobico cardiovascolare… ;-) . Io lo faccio sempre e mi “scrollo di dosso” la stanchezza fisica e l’appannamento mentale che si prova dopo un pasto eccessivo. Ormai, per me, una corsetta nel pomeriggio del giorno di Natale è diventata da anni un’ appuntamento fisso! :-) E’ impressionante tutte le volte percepire e gustarmi il “cambio” di lucidità mentale e di sensazione di benessere nelle ore immediatamente successive alla doccia…. ;-) Provare…, per credere…. :-)

Questi semplici quattro comportamenti ti permetteranno di passare “indenne” le feste natalizie… ;-)

Per oggi è tutto perchè ora…, vado ad allenarmi…. :-)

Ciao a presto al prossimo aggiornamento…, approfitto per augurarti buon proseguimento di feste… ;-)

 

Se il tuo obiettivo è migliorare il tono muscolare, in questo articolo ti parlerò di un aspetto di fondamentale importanza! Hai mai sentito parlare di “livello minimo di stimolazione muscolare”…? Il livello minimo di stimolazione muscolare è quella “soglia” che devi raggiungere per stimolare i tuoi muscoli affinché aumenti il loro tono.

Devi sapere che la maggior parte delle persone che falliscono nel tentativo di tonificare i propri muscoli sbagliano proprio ignorando questo fattore.. Non hai idea di quante persone sprechino tempo, soldi ed energie alla ricerca del miglioramento del tono muscolare allenandosi in modo approssimativo ed insufficiente.

Ricorda sempre questo basilare principio: se vuoi che il tuo corpo cambi, gli devi dare un valido motivo per farlo….. Alla fine è un concetto semplice.. Vuoi che il tuo corpo cambi? Allora devi uscire dalla tua area di comfort motoria…, dai ai tuoi muscoli un livello di stimolazione al quale sono abituati e non accadrà nulla!

E’ per questo motivo che sprono sempre i miei clienti a raggiungere  il livello minimo di stimolazione muscolare durante ogni allenamento ed ogni esercizio. Il livello minimo di stimolazione muscolare è difficile da spiegare, lo è meno da provare, da sperimentare durante l’allenamento.

Dato che non posso “saltare fuori dal monitor” e fartelo provare sulla tua pelle :-) voglio darti alcuni dettagli che ti permetteranno di capire se lo hai mai raggiunto o meno.

Ecco una serie di “cose” che accadono quando raggiungi il livello minimo di stimolazione muscolare.

  1. La velocità d’esecuzione dell’esercizio diminuisce in maniera marcata.
  2. I muscoli diventano doloranti e ogni ripetizione ulteriore aumenta il fastidio provato.
  3. I movimenti diventano meno fluidi e la capacità di coordinare i movimenti viene meno.
  4. Se stai allenando grandi masse muscolari, come i muscoli delle cosce, percepirai anche un aumento della frequenza cardiaca e respiratoria.

In estrema sintesi proverai tutti i “sintomi” della FATICA! Durante i tuoi allenamenti dovrai cercare la fatica, dovrai andare “contro natura” e spingerti oltre l’istinto di preservazione della specie che ti porta a cercare soluzioni di comodo…

Ogni volta che schiverai la fatica…, ti allontanerai dal miglioramento del tuo tono muscolare, è inevitabile…

E’ proprio la fatica che innesca tutti i meccanismi biochimici che permettono al tuo organismo di diventare migliore, in questo caso più tonico…

E’ su questo che si basa il principio di supercompensazione! Tu proponi qualcosa di nuovo e sufficientemente intenso (livello minimo di stimolazione muscolare) al tuo corpo e nei giorni successivi tutto l’organismo compenserà la fatica fatta, per poi supercompensare ed evitare così di provare la stessa fatica l’allenamento successivo… Alla fine…, è un principio semplice! ;-)

Ricordati che quando si tratta di allenamento la FATICA è tua AMICA….., che ti piaccia o meno…. ;-) .

Per oggi è tutto, ciao al prossimo articolo :-)

 

Oggi voglio rispondere ad una richiesta d’aiuto che mi è arrivata da parte di Flavia, una ragazza di 33 anni che da anni si allena con costanza e dedizione e non è soddisfatta dei risultati che ha ottenuto fino ad ora in termini di dimagrimento e definizione muscolare. Ecco di seguito cosa mi ha scritto Flavia:

“Ciao Marco, ho bisogno di una tua consulenza. Sono due anni che mi alleno costantemente per 5 gg di allenamento a settimana, 3 gg seguivo la scheda, e 2 giornate di personal trainer con il quale facevo principalmente crossfit. Miglioramenti ne ho avuti ma, a essere sincera, non era e non e’ il corpo che volevo e voglio. Soprattutto le gambe, che comunque rimangono abbastanza tozze e non snelle, io le vorrei sottili e modellate.

Il mio personal mi ha anche modificato l’alimentazione . Non mi faceva mangiare carboidrati, ma a volte io li ho mangiati comunque. Ho continuato con lui sino a inizio luglio quando se ne è andato. A giugno il mio ciclo e’ scomparso, non ho mai avuto problemi in precedenza, ne ho parlato con lui dicendo che forse avevo troppe carenze ma lui sosteneva di no.  A metà luglio ho iniziato ad allenarmi con un altro personal trainer, questa voltà però di sesso femminile.

A settembre sono andata anche dalla nutrizionista che lavora nella palestra dove mi alleno. Mi ha dato la dieta, ho perso due chili e ora peso 45 Kg e sto facendo il mantenimento. Il ciclo dopo che sono andata da lei e’ tornato ed e’ regolare.

La mia nuova PT mi fa fare comunque esercizi di crossfit, box jump, push up, squat, jumping jack, sit up, pull up, ring dip, stacchi da terra, affondi, deadlift, karen, burpees, swing ed american swing, trazioni con elastico , diciamo che alterniamo questi esercizi e probabilmente me ne sono scordata qualche d’uno.

A fine lezione il più delle volte mi fa camminare a velocità 5,6 e pendenza 4% per 30 minuti.  Nei giorni in cui faccio la scheda solitamente faccio 2 giorni cardio ed eseguo 40 minuti di corsa ( la mia PT mi aveva alternato bici, step, tappeto, ma la bici mi ingrossa e quindi faccio la corsa alternata a camminata ( 2′ di camminata a 6.0 di velocità e 3′ di corsa a 8.7 di velocità ), poi faccio addominali. Alla fine cammino a 5.8 km/h con pendenza allo 0%.

Parlando con la dietologa del mio “problema” gambe lei mi ha consigliato nelle giornate cardio di fare anche la leg extension con poco peso in modo da non fare sforzare tanto il muscolo. Mi ha detto anche di fare qualche esercizio per la parte alta e così sto facendo.
Però nonostante io mi impegni tanto non ho ancora raggiunto il corpo che vorrei, soprattutto nelle gambe.

Le vedo proprio grosse nel giro coscia ed i fianchi sono sporgenti . Ne ho parlato con la mia PT ne ho già parlato le ho detto dove vorrei snellire le gambe e che non voglio le cosce gonfie nella parte sopra e piccole sotto, le ho spiegato che le vorrei snelle e sottili e magari con un po’ di spazio tra il giro coscia…, non unite. E lei quando le faccio vedere le foto di ragazze con corpi come vorrei mi dice: Fotoshop fa miracoli….., oppure le ho detto qui nei fianchi si asciugherà? Cosa posso fare?

RISPOSTA :se lo sapessi non lo avrei nemmeno io!”

 

Allora…, le tematiche “sollevate” da Flavia sono molteplici ed ognuna di esse avrebbe bisogno di un articolo apposito. Cerco di essere sintetico e di rispondere ad alcuni dei “dilemmi” di Flavia. Vado per ordine:

1) Flavia ha un somatotipo che non prevede nelle sue caratteristiche gambe snelle e definite, quindi ha una posizione di partenza che rende molto difficile il raggiungimento del suo obiettivo.

2) Sta facendo troppi esercizi multiarticolari per le gambe, vanno ridotti…, anche i muscoli “cubano” quando si va a misurare la circonferenza della coscia.. Il lavoro va distribuito meglio e si deve dedicare ad attività “cataboliche” per la musculatura delle cosce, come la corsa outdoor (no tapis roulant).

3) Da quanto vedo dalle foto c’è ancora spazio per un’ulteriore definizione delle cosce (riduzione massa grassa sottocutanea). Occorre un programma mirato alimentare e di allenamento.. A tal proposito confido a Flavia che la sua dietologa sarebbe bene che si limitasse a fare ciò per il quale ha studiato, perchè evidentemente non sa di ciò che parla… Fare la leg-extension è già un esercizio “stupido“.., poi consigliato a Flavia per il suo obiettivo rappresenta la pazzia pura…

4) I carboidrati non sono responsabili della definizione delle cosce. I carboidrati hanno come “effetto collaterale” quello di trattenere più liquidi rispetto ai grassi e alle proteine. Considerando però che non ne possiamo fare a meno perchè il cervello funziona solo con i carboidrati….., direi che trattenere più liquidi (una quantità veramente misera) sia un “contraltare” che si possa/debba tranquillamente accettare. Mi preoccuperei più del sodio introdotto con il sale da cucina, quello messo nell’acqua dove fai bollire la pasta,  gli insaccati, i formaggi, i cibi surgelati ecc… (ammesso che Flavia li assuma, non mi è dato saperlo :-) ).

Detto ciò…, la soluzione al “problema” di Flavia è articolata e prevede un lavoro di “cesello” sia per quanto riguarda l’alimentazione che per l’allenamento che non mi è possibile fare se non con un approccio personalizzato.

Per oggi è tutto, ciao al prossimo aggiornamento! :-)

Ti piacerebbe padroneggiare i principi fondamentali per capire se ti stai allenando al meglio…? Ti piacerebbe sapere come avere cosce toniche e snelle senza sembrare un calciatore…? Si…?!?! Allora devi dare un’occhiata qui! ;-)

 

 

L’allenamento indipendente e la consapevolezza

29 maggio 2014 Scritto da Marco Caggiati in Allenamento, Cose da sapere

CORSO CREATTIVITA SEMPRE FITNESS MARCO CAGGIATI

Ti sei mai chiesto quanto sia importante la libertà?…. Ti sei mai chiesto che valore abbia l’indipendenza.., la possibilità di “fare da solo” …. ? Per me sono sempre stati valori fondamentali nella vita, e la mia salute e la cura del mio corpo non possono e non devono uscire da questa “logica”.

Credo che non si possa vivere una vita al massimo delle proprie possibilità se non si ha una buona consapevolezza del proprio corpo e di ciò che si mangia…

Penso che la salute e il benessere non possano essere demandate ad altre persone…., o meglio credo che sia intelligente farlo, ma SOLO con la consapevolezza di ciò che mi viene proposto.

E proprio per migliorare la consapevolezza corporea ed alimentare che ho ideato un corso dal vivo sull’indipendenza motoria ed alimentare. Si chiama “CreAttività Sempre Fitness!” e si è svolta la seconda edizione la settimana scorsa. CreAttività è un corso di 4 giorni Full Immersion dove si alternano circa 3-4 ore quotidiane di allenamento a concetti teorici indispensabili da conoscere per comprendere ciò che “sta dietro” alla creazione di un allenamento o di un piano alimentare personalizzato.

CreAttività è il primo e unico corso sull’indipendenza motoria, creato appositamente per trasformare “l’uomo della strada” in un “Master Chef in allenamento”……….. :-D …, proprio così…, un Master Trainer per fare a meno per sempre di allenatori, personal trainers, palestre, dietologi ecc… Per diventare l’allenatore ed il dietista di te stesso… ;-)

Ingegnerizzare un corso di questo tipo non è stato assolutamente facile ed ha rappresentato una sfida professionale interessante… :-D , ma sto avendo di ritorno tantissima soddisfazione….

Difficile spiegare “da fuori” un corso come “CreAttività Sempre Fitness!” è per questo motivo che qui di seguito potrai leggere le testimonianze di alcuni dei partecipanti dell’ultima edizione appena svolta ;-) .

Acerbis Davide

Davide Acerbis

CreAttività mi ha permesso di associare diversi aspetti/attività in un unico contesto: la mia salute. Per mantenermi bene devo conoscere come sono fatto, devo ascoltarmi, devo essere costante. Ho imparato che se non ci penso io, gli altri non possono farlo al mio posto. La cura fisica non è “secondaria” a nient’altro. Il mio corpo è ciò che mi accompagnerà sempre. Oltretutto non è stato un corso di lezioni. Mi sono allenato, ho sentito la fatica, il dolore e la curiosità di sperimentare (nuovi allenamenti, nuovi esercizi, nuove modalità di allenamento). Ho colto la passione nelle parole e nei gesti del nostro “guru”.  …. E pensare che ritenevo di essere già “tecnicamente evoluto”….. Oggi comincia Davide 2.0…. e il bello deve ancora venire.

 

francesca sorbi

Francesca Sorbi

CreAttività mi ha trasmesso conoscenza, consapevolezza ed esperienza rispetto al mio corpo, cioè, dalla complicata anatomia alla sua espressione nel movimento. Il semplice gesto del respirare è diventato esercizio e “meditazione”. Da qui la presa di coscienza che il corpo è cibo e movimento e che quindi devo curare questi due aspetti in simbiosi. Aspetti semplici e complessi che Marco ha riassunto per noi nel metodo che ci ha spiegato e che non vedo l’ora di provare sulla mia pelle.

 

rossana manfredini

Rossana Manfredini

Avendo perso da un po’ di tempo la forma fisica e cercando qualche idea nel web, mi sono imbattuta sul sito di Marco che mi ha subito incuriosita. Credendo nelle sue proposte, fidandomi del mio intuito, ho partecipato al corso “CreAttività Sempre Fitness” a scatola chiusa, senza conoscerlo e devo dire che le aspettative sono state ampiamente ripagate. Marco innanzitutto è un professionista serio e preparato, ma è anche una persona semplice e simpatica. Abbiamo passato 4 giorni insieme veramente intensi ma divertenti, affrontando argomenti che vanno dalla salute, all’alimentazione, oltre naturalmente al benessere psico-fisica e a come poterlo mettere in pratica concretamente nella propria vita. Il lavoro che lui fa anche all’interno del gruppo è sempre personalizzato, per cui mi sento di consigliarlo vivamente a tutti, dal neofita che vuole rimettersi in forma, alla persona più esperta che vuole mettere a fuoco alcuni aspetti del suo allenamento.

Personalmente ho ricevuto,grazie al gruppo,un forte stimolo a ricominciare a prendermi cura di me stessa, da subito, cosa che non riuscivo più a fare. Inoltre, il corso mi ha dato tantissimi strumenti e conoscenze da portare a  casa. Sono riuscita a fare, con l’aiuto di Marco, un programma concreto e fattibile in visione del mio obiettivo di dimagrimento,senza sconvolgere la mia vita, senza palestre, né attrezzi particolari. Sinceramente non avrei creduto tanto. Grazie veramente.

 

antonio pellegrini

Antonio Pellegrini

Il corso CreAttività Sempre Fitness ideato da Marco è un corso che a mio parere tutti dovrebbero fare, ma tutti quelli che regolarmente vogliono bene a se stessi, quelli che effettivamente rispettano il proprio corpo, quelli che capiscono che non hanno bisogno di comprare una Ferrari se vogliono guidare una macchina ancora più complessa, completa, unica e geniale. Con Marco si riesce a capire nel dettaglio non solo cosa bisogna fare per mantenere efficiente e funzionale il proprio corpo, la propria macchina, ma dove e come si genera la forza, l’energia, l’adrenalina che serve poi per tutte le altre attività della vita di ognuno di noi. Quello che ho imparato principalmente durante il corso è stato prendere consapevolezza del mio corpo e di tutti gli organi funzionali che lo compongono e rispettarli manutenendoli come giusto sia per natura e quindi allenandoli e fortificandoli quotidianamente. Ora tocca solo a me essere costante, determinato e consapevole. Grazie Marco

 

viviano ginexi

Viviano Ginexi

“CreAttività Sempre Fitness” è un ottimo motivo/stimolo per prendere coscienza e consapevolezza del proprio corpo. Sono stati 4 giorni immersi in una splendida “location” con il giusto mix tra teoria e esercizi pratici. Abbiamo toccato argomenti come : teoria dell’allenamento, i metabolismi energetici, come allenarsi, l’apparato cardiocircolatorio, manutenzione e tonificazione, lo stretching “ questo sconosciuto per molti”, e ovviamente l’importanza della “corretta alimentazione” in regime bilanciato. Ho trovato davvero “appagante” le esercitazioni all’aria aperta, che mi hanno fatto capire come gestire e ascoltare il mio corpo, come impostare il mio programma di tonificazione/dimagrimento, come sfruttare la respirazione mediante il diaframma. Sono stati 4 giorni di “Pulizia Motoria”: Molte delle mie ”credenze” sono state smontate e sostituite con quelle “corrette”. Troppo spesso affidiamo la cura del nostro corpo a messaggi pubblicitari errati; impariamo a prenderci cura del nostro fisico.

 

Da parte mia posso solo dire che sono molto soddisfatto del lavoro svolto con i miei allievi che hanno dimostrato impegno, voglia di imparare e determinazione nel “prendere in mano” i propri obiettivi in ambito fisico, modificando allenamenti ed alimentazione! Io mi sono divertito un sacco! :-D :-D

Non vedo l’ora di mettermi al lavoro per la prossima edizione! ;-)

Per oggi è tutto, ciao al prossimo aggiornamento! ;-)

L’allenamento…? E’ tutto un programma!

28 aprile 2014 Scritto da Marco Caggiati in Allenamento, Cose da sapere

Settimanalmente ricevo decine di domande riguardanti l’allenamento e l’alimentazione più o meno complesse che “tradiscono”spesso lo stato “confusionale” di chi me le porge… :-D :-D . Gran parte di queste domande sono frutto della disinformazione o dell’informazione superficiale che ha la maggior parte degli appassionati di fitness ed allenamento..

Gran parte delle persone che ha deciso di optare per il “fai da te” omette di considerare un aspetto di FONDAMENTALE importanza!

Tengono il loro focus mentale sulla metodologia d’allenamento da utilizzare, quante serie, ripetizioni o attrezzi da utilizzare e si dimenticano di un aspetto focale che sta alla base di qualsiasi obbiettivo che si vuole raggiungere…

Si dimenticano di creare un PROGETTO, di PIANIFICARE le azioni, i passi che li porteranno verso la meta ambita…. Questa cosa mi fa sempre sorridere e sai perchè…?

Perchè se io mi mettessi a costruire una casa…, non saprei come fare se non avessi un PROGETTO da seguire con tutte le indicazioni, le misure, con tutti i DETTAGLI da seguire…. :-D

La PIANIFICAZIONE STRATEGICA da seguire per ottenere un obiettivo in ambito fisico, come dimagrire, tonificare o correre una maratona, viene spesso sottovalutata o completamente ignorata…. ;-) .

Non hai idea di quante persone siano venute a “bussare” alla mia porta chiedendo il mio aiuto professionale che avevano una buona consocenza della materia (in merito all’obiettivo che volevano raggiungere), ma con storie di ripetuti insuccessi…..

Pensa di avere di fronte a te un puzzle da 3000 pezzi e di doverlo assemblare senza avere la figura di riferimento da “copiare”…… Sarebbe un’impresa quasi impossibile vero…?

Per pianificare la strategia alimentare e gli allenamenti da fare per raggiungere i propri obiettivi è di fondamentale importanza essere padroni dei concetti di:

  1. CARICO INTERNO
  2. CARICO ESTERNO
  3. CICLI D’ALLENAMENTO
  4. DURATA
  5. INTENSITA’
  6. QUALITA’
  7. QUANTITA’
  8. DENSITA’
  9. RECUPERO

Se non conosci o non hai controllo su questi aspetti fondamentali dell’allenamento…, non potrai mai progammare i tu0i work out e difficilmente raggiungerai gli obiettivi estetici, di salute e di performance che ti sei posto….

E’ per questo motivo che ho deciso di creare qualcosa che mai nessuno ha fatto prima, qualcosa di unico che permetta agli appassionati di allenamento o di fitness, o semplicemente a tutti coloro che stanno cercando una soluzione DEFINITIVA ai propri problemi di sovrappeso, ipotonia muscolare, rigidità articolare, muscolare ecc…

Ho dato vita ad un corso dal vivo per non addetti ai lavori che si chiama CreAttività Sempre Fitness! CreAttività è un corso dal vivo di 4 giorni dove ti fornisco tutti gli strumenti necessari per gestire in modo COMPLETAMENTE AUTONOMO i tuoi allenamenti, la tua alimentazione PIANIFICANDO ogni dettaglio per riuscire a costruire “la tua casa”…..

Data la sua unicità e la sua veste innovativa.., mi risulta difficile spiegare in che cosa consiste “Creattività Sempre Fitness!” Ho chiesto quindi a chi vi ha già partecipato di raccontare cosa è significato per loro… Dai un’occhiata qui sotto ;-)

Questo è solo un assaggio di CreAttività Sempre Fitness e, se vuoi saperne di più…, devi semplicemente Cliccare Qui , accedere alla pagina di presentazione al seminario e scoprire la promozione in corso. ;-)

Inizia a PROGETTARE la tua vita, PIANIFICA i tuoi obiettivi in ambito fisico e dimentica la FRUSTRAZIONE che hai in questo momento, perchè non sei ancora riuscito  ad ottenere il corpo che desideri! :-)

Spero di incontrarti personalmente al corso! ;-)

Ciao a presto e buon allenamento! :-D

 

 

Quando si parla di allenamento si pensa subito a muscoli caldi, cuori che battono a “perdifiato” e fiumi di sudore! Certo sono pensieri leciti e coerenti, ma non ci si ferma mai a pensare che prima di “mettersi in movimento” è fondamentale avere la CONSAPEVOLEZZA di ciò che si sta facendo, avere un PROGETTO chiaro da portare avanti, per raggiungere con CERTEZZA i propri obiettivi in ambito fisico. Insomma, bisogna educare il cervello prima di “mettersi in moto”.., altrimenti il rischio di fallimento è veramente MOLTO ALTO!

Ecco, proprio di CONSAPEVOLEZZA e di PROGETTI ho parlato al mio corso dal vivo INTELLIGENZA MOTORIA! :-D Domenica scorsa si è conclusa la prima edizione e ti devo confidare che ci siamo divertiti un sacco!!! :-D :-D

In due giorni ho potuto trattare tutti gli argomenti “hot” del mondo del fitness e dell’allenamento, concentrandomi soprattutto sul dimagrimento e la tonificazione. Ho potuto smontare ogni dubbio e “falso mito” riguardante questi due macro argomenti della mia professione trattando di composizione corporea, il ruolo della genetica, metodiche d’allenamento per il dimagrimento, per la tonificazione, quali integratori possono essere utili, quali inutili, quali pericolosi… C’è stato spazio anche per l’elettrostimolazione, le pedane vibrati, le creme snellenti, le tute dimagranti, diete ultrarapide, metabolismi energetici….

Ecco cosa è “arrivato” di tutto ciò ad alcuni partecipanti!

Barbara Sepali

Barbara Sepali INTELLIGENZA MOTORIA

 

 

 

 

 

“Con il corso INTELLIGENZA MOTORIA  Marco è riuscito ad aprirmi un mondo…., un nuovo mondo! Marco è riuscito a sfatare tante convinzioni che le varie pubblicità provano a farti credere…., o meglio provavano a farmi credere.. :-D .

La partecipazione al corso è stata indispensabile per capire veramente cosa fare per dimagrire e tonificare e sfatare tutti i “falsi miti”!

Ora ho capito quello che è giusto fare, ho capito che alcune cose che stavo facendo erano cose INUTILI, adatte solo a mettermi la coscienza a posto… “

 

Monica Pasello

Monica Pasello INTELLIGENZA MOTORIA

 

 

 

 

 

La cosa che mi sono portata a casa partecipando al corso INTELLIGENZA MOTORIA è che, sbagliando, ho sempre pensato che fosse sufficiente “fare movimento”. In realtà ogni obiettivo, che sia dimagrire, tonificare o altro, ha una sua precisa STRATEGIA per arrivare al successo.

Poi Marco ha sfatato veramente un sacco di “falsi miti” che credo siano nel pensiero comune della maggior parte delle persone.

Lo consiglierei a chi tiene alla propria salute, non ha tempo da “perdere” in attività, magari anche faticose ed intense, ma che non sono coerenti con il risultato che vuole ottenere.

Credo ci siano poche persone preparate come Marco e il suo approccio semplice ed esperienziale aiuterebbe chiunque a fare movimento senza che questo diventi un peso (parlo di persone, come me, MOLTO PIGRE E SEDENTARIE).

Ti ringrazio per l’impegno e la professionalità che metti nel tuo lavoro e per tutto quello che mi hai trasferito”

 

Laura Notari

LAURA NOTARI intelligenza motoria

 

 

 

 

 

 

 

 

“Ho conosciuto Marco grazie al caso; un modo come un altro di definire il web surfing.

Ci sentiamo, lo incontro, mi piace. E’ in grado di farti percepire la sua empatia. Persona dal piglio serio, ma anche scherzoso (sa metterti a tuo agio) e con un’indiscussa profonda conoscenza della sua materia.

Marco è un personal trainer o ancor meglio, un educatore motorio e per questo insegna le basi per far sì che l’attività motoria divenga una costante di vita, come svegliarsi, mangiare, dormire e muo-ver-si!

Inizio ad allenarmi con lui e dopo qualche lezione di Personal Training mi propone di partecipare ad un corso che terrà di lì a breve: “Intelligenza Motoria”.

Sabato si da “il via alle danze”, ambientazione curata, puntualità e cortesia contraddistinguono l’impegno di Marco e Cristina la sua affidabilissima assistente che si occupa di analisi della composizione corporea.

Il fulcro, “the main subject”, delle due giornate sono le verità sul dimagrimento, sulla tonificazione, lo sfatare i luoghi comuni, i falsi miti legati al “facilmente” di cui siamo spesso preda perché, diciamola tutta, a chi piace far fatica? A pochi eletti!!! Insomma un concentrato di tante nozioni che spesso si ‘crede’ di conoscere dalle infarinature fuorvianti forniteci dai Media.

Marco nella sua indiscussa disinvoltura colloquiale parla di  un concentrato di tante nozioni base, tante piccole perle di saggezza per dare un’idea di cosa si può fare con una buona CONSAPEVOLEZZA del proprio corpo; perle per capire come dimagrire a chi lo necessita e come allenare un fisico riuscendo a fare a meno, volendo, delle Palestre, considerando che comunque non vi si è mai veramente seguiti. Una metodologia per renderci autonomi.

Ha qualcosa di “diritto” Marco Caggiati, il suo stile di vita, il suo modus operandi, la tenuta delle spalle, la schiena verticale di chi ha resistito invece di piegarsi al sistema! Resta eretto e guarda avanti, al suo obiettivo: il benessere delle persone.

Cos’ha di bello? Che non tiene nulla per sé. Non come quei PT che ti dicono ‘fammi quest’esercizio’ e vigliacco se ti spiegano perché te lo stanno facendo fare, … timorosi che si possa a fare a meno di loro. Marco questo non lo fa di certo! Anzi, diffonde i “segreti del benessere” e nel contempo è in grado di accattivarsi chi il suo supporto lo vuole eccome!!

Ho indubbiamente imparato tanto. Tante nozioni che, malgrado il mio indiscusso interesse verso questa materia, non sono di facile reperibilità per un “non addetto ai lavori”, servirebbe tempo e letture e tanto web surfing… ma chi ha tempo al giorno d’oggi!!

Questi due giorni mi hanno permesso di capire come migliorare le mie performances, come tonificarmi, come dimagrire e le tempistiche per farlo in salute. Ha sfatato tanti miti ed ha creato un’unica serie di “miti” indiscussi: volontà, progettualità, costanza, gradualità, coerenza equilibrio e tanta tanta motivazione.

Ringrazio quindi Marco e Cristina per le bellissime giornate, e un applauso speciale a Marco che mi ha davvero soddisfatta con la sua esperienza e la sua dialettica.

Ciao alla prossima. Laura”

Da parte mia cosa posso aggiungere di altro…?!!?! :-D Posso solo dirti che mi sono divertito tanto e ho dato anima e corpo per trasferire in modo semplice ed incisivo alcuni temi che ritengo DOGMI che ogni appassionato di allenamento e fitness dovrebbe conoscere…, quelle cose che andrebbero imparate a scuola ma che non vengono insegnate… :-( !

E dopo aver creato CONSAPEVOLEZZA…, dopo aver appreso COSA bisogna fare per raggiungere i propri ambiti risultati….., ora è arrivato il momento di passare all’AZIONE, è arrivato il momento di capire il COME con il corso FULL IMMERSION CreaAttività,  per imparare come allenarti, come prendere in mano i tuoi allenamenti, la tua alimentazione e diventare finalmente INDIPENDENTE prendendo possesso di tutte le nozioni pratiche su come gestire la programmazione dei tuoi work out! CreAttività è il modo per dire definitivamente addio a palestre, personal trainers, fantomatici attrezzi, diete assurde ed inutili integratori alimentari!

Per concludere, ho da porti una domanda:

Ma non sei stanco di dannarti per raggiungere i tuoi obiettivi e trovarti sempre al “PUNTO DI PARTENZA”?!?!??!?!!

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi..? ;-)

Ciao al prossimo articolo!

Scopri di più sul mio corso CreAttività cliccando qui! ;-)

 

Ti ricordi di Martina…? Come no??!?!? Martina è una persona fantastica, una mia cliente di 20 anni che ha iniziato ad allenarsi con me ad Aprile 2013 con con l’obiettivo di dimagrire! O meglio…, tecnicamente stiamo perseguendo un obiettivo mirato al dimagrimento, ma il “titolo” del suo programma è “salvamilavita”! Da Maggio 2013 ad oggi sono passati circa 10 mesi e oggi voglio darti resoconto dei successi che stiamo ottenendo! :-D

Non so se ti “ho gia detto” che Martina è una persona fantastica… :-D (non vorrei mai se ne dimenticasse :-D ) e sta mettendo in campo tutto ciò che serve per raggiungere un obiettivo altamente sfidante soprattutto per quanto concerne l’aspetto emotivo e psicologico. A Maggio i kg da perdere erano 70…, la bilancia segnava 130 Kg per un’altezza di 163 cm.

Ieri è accaduta una cosa epocale per Martina, per la prima volta nella sua vita da adulta è scesa sotto i 100 Kg, per la prima volta si è lasciata alle spalle la “Tripla Cifra”!!!!!!! :-D :-D :-D . All’ultimo controllo la bilancia ha segnato infatti 99,3 Kg! Non puoi immaginare quanto mi abbbia reso felice e gratificato aver raggiunto questo importante obiettivo! :-D

Ancora -4 Kg e saremo a metà strada rispetto ai 70 Kg previsti per raggiungere il peso fisiologico di Martina (che si assesta vicino ai 65Kg)!

L’aspetto tecnicamente più entusiasmante del percorso di dimagrimento di Martina è la perdita di peso UNICAMENTE a carico della massa grassa, senza perdere UNA K/cal di metabolismo basale! :-D Questo grande risultato rispecchia il grande impegno e la costanza di Martina nel seguire i miei allenamenti e l’alimentazione pensata per lei.

Ora voglio condividere con te un po’ di “numeri” per farti capire l’entità del lavoro fatto da Martina.

Ecco in parallelo le differenza di composizione corporea tra il primo esame iniziale (17/4/2013) della composizione corporea e l’ultimo  fatto in data 12/02/2014.

INIZIALE 17/04/2013              ULTIMO 12/02/2014                 DIFFERENZIALE

PESO Kg 130,1                            Kg 99,3                                      -  30.8 Kg

Met. Basale 1643 K/cal            1643 K/cal                                0 k/cal

BMI 49                                          37,4                                            – 11,6 (la soglia che delimita l’obesità dal sovrappeso è 25)

CIRC.BRACCIO CM  47,7         CM 38,7                                     – 9 Cm

CIRC. COSCIA CM 82,2            CM 68,7                                     – 13,5 Cm

CIRC. VITA CM 117,5                 CM 100                                     – 17,5 Cm

CIRC. FIANCHI CM 142,2        CM 121                                      – 21,2 Cm

CIRC. ADDOME CM 142           CM 121                                      – 21 Cm

PLICA ADDOM.  MM 40,2        MM 25,3                                  – 14,9 Mm

PLICA SOVRAIL. MM 28,2       MM 14,3                                   – 13,9 Mm

PLICA TRICIP.     MM 30,6       MM 18                                      – 12,6 Mm

Qui sotto puoi apprezzare l’andamento praticamente parallelo del calo di peso (la linea rossa) in relazione alla diminuzione di massa grassa (la linea verde). Per un non tecnico questa “cosa” potrebbe sembrare ovvia…, ma ti assicuro che non lo è assolutamente! Grossi cali ponderali lasciano “sul campo” anche grandi quantità di massa muscolare (riduzione del metabolimo basale) predisponendo l’organismo al tristemente noto effetto “yo-yo” (riprendere massa grassa molto velocemente e con gli “interessi”). Le tecniche d’allenamento da seguire per ottenere risultati come questi non sono difficili.., se sai dove “mettere le mani” e sono parte fondamentale degli argomenti che tratto nel mio corso “INTELLIGENZA MOTORIA!

 

Che dire…., Martina sta facendo un ottimo lavoro e sono fiero di lei! Inizio già a pregustarmi il giorno in cui andremo a fare shopping insieme per cambiare tutto il guardaroba estivo!!! :-) Anche se non mi piace fare shopping…., nemme quando lo faccio per me…, mi godrò la luce negli occhi di Martina quando si guarderà allo specchio e vedrà una ragazza nuova, felice di affrontare una vita nuova! :-D :-D :-D

La strada fatta è tanta e ci aspetta altrettanto cammino…e dato che l’entusiasmo e la motivazione a fare meglio non sono mai abbastanza ora ti ti chiedo un piacere. Martina leggerà sicuramente questo mio resoconto condiviso con i lettori del blog.., quindi lascia un commento, scrivi qualche parola d’incoraggiamento, anche un semplice BRAVA CONTINUA COSI’! :-D Facciamo sentire a Martina quanto è stata SPECIALE fino ad ora! :-D Grazie

Allenamento Corsa: corro perché mia mamma mi picchia

12 gennaio 2014 Scritto da Marco Caggiati in Recensioni Libri

 

Niente male come titolo di un articolo….. :-D .., niente male come titolo di un Libro! :-D Infatti oggi proprio di un libro voglio parlarti. Durante le feste natalizie occupo volentieri il surplus di tempo libero leggendo qualche libro e uno dei più interessanti che ho “fumato” in queste vacanze è stato appunto “Corro perché mia mamma mi picchia”, scritto a due mani da Giovanni  Storti (Il Giovanni del mitico trio comico “Aldo Giovanni e Giacomo”) e da Franz Rossi (Amico e compagno di corsa di Giovanni, runner su lunghe distanze su percorsi ultratrail).

Mi piace leggere libri che parlano di corsa, ma non di aspetti tecnici, sono solitamente noiosi.. Mi piacciono i libri scritti da chi corre, leggere le loro storie di vita vissuta, le avventure vissute “su due piedi”.

“Corro perché mia mamma mi picchia” è proprio il genere di libri che mi piacciono. Scritto in un modo veramente semplice è un libro che consiglio sia ai Runner esperti, che possono farsi due risate leggendo le vicissitudini di Giovanni e ritrovarsi negli usi e costumi di “compagni di passione”, sia a chi non ha mai corso, in quanto la sua lettura “stimola la corsa”.

Quando leggo questo genere di libri mi diverte scoprire come pensieri, considerazioni e abitudini legate alla corsa siano ricorrenti in persone diverse per età, sesso, professione…..

Mi è capitato spesso di annuire sorridendo leggendo di racconti che ho vissuto decine di volte e di sensazioni sentite sulla mia pelle ogni volta che corro.

Inutile dire che le pagine scritte da Giovanni sono a tratti anche esileranti, rendendo la lettura ancora più piacevole e fluida.

Non mancano anche alcuni “intermezzi” dove vengono trattati alcuni argomenti tecnici molto utili per i neofiti della corsa. Vengono descritti i “pericoli della corsa”, “l’abbigliamento”, “l’alimentazione”, “la differenza tra podista della domenica e top runner”, in modo semplice e utile e , nel 98% dei casi,  corretto (ho notato solo due inesattezze/superficialità più che perdonabili, se scritte da non professionisti dell’allenamento).

Infine, consiglio questo libro soprattutto a tutti coloro che si chiedono il “perché”  i podisti corrono…, che si chiedono: chi “glielo fa fare” oppure “che senso ha correre, tanto per correre, senza un motivo” (di solito questo lo pensano i calciatori… :-D ). Uno dei primi capitoli spiega proprio questo…….e sarà stupefacente scoprire, tra le altre cose, che correre è INUTILE e la sua inutilità….. è ciò che la rende una cosa fantastica al pari dello scrivere una poesia, dipingere, scrivere una sinfonia, buttarsi da un aereo con un paracadute, saltare a 8 metri d’altezza con una moto….ecc…

Fare cose apparentemente “inutili” è quello che caratterizza la specie umana, appassionarsi e rendere abituali gesti che non sono strettamente necessari per la preservazione della specie (anche se la corsa fa bene anche alla salute…, se non si esagera.. ;-) ) è quello che ci rende umani…

La corsa rientra a pieno titolo nelle cose che bisogna fare nella vita per capire più profondamente la vita stessa…, la corsa è una di quelle cose che non si possono spiegare, non si possono “far capire”…. Per capire il valore della corsa bisogna correre…e non basta farlo una volta…, per capirlo bisogna farlo con costanza e prima o poi per tutti, anche ai più reticenti, arriverà il momento in cui arriverà un “flash” e in quell’attimo tutto sarà chiaro, semplice, scontato e tutte le “domande”, tutti i “che senso ha correre” svaniranno…. In quel momento la corsa diventerà importante quanto l’aria che respiri…. ;-) .

Per oggi è tutto, ciao al prossimo post e buona corsa! :-)

P.s.: manca veramente poco all’apertura delle iscrizioni al mio nuovo corso “Intelligenza Motoria” dove ti parlerò anche di corsa….. ;-)

P.P.s: se ancora non sei iscritto alla mia newsletter.., corri :-D subito a registrarti (trovi il form in alto a destra) perché riserverò a tutti i miei followers uno sconto strepitoso per l’iscrizione al corso! :-D

Titolo Libro: Corrro perchè mia mamma mi picchia

Autori: Giovanni Storti e Franz Rossi

Casa editrice: Mondadori

Subscribe to Allenamento Fitness

Video & Audio Comments are proudly powered by Riffly