Allenamento Fitness

Tutto ciò che riguarda il Fitness lo sport l'allenamento e l'alimentazione

Alcuni giorni fa mi sono imbattuto per caso su Rai Uno mentre era in onda “Porta a Porta”, programma che solitamente non rientra nei miei preferiti…. Questa volta l’argomento trattato era “come arrivare pronti alla prova costume”.

L’argomento inerente al fitness ha ovviamente attirato la mia attenzione e subito si mi sono “detto”…, sentiamo un pò che belle s………e vogliono rifilare agli italiani stasera…..

Dopo soli 15 minuti però ho dovuto subito ricredermi, perchè i contenuti hanno superato nettamente le mie aspettative…, in negativo.

Il culmine è stata la presentazione di un sistema “rivoluzionario” che permette di perdere 10kg in 10 giorni…!!!! Il sistema è stato elaborato da un Medico Chirurgo  che ha progettato un metodo di alimentazione enterale (più precisamente definito NED: Nutrizione Enterale Domiciliare) che prevede l’applicazione di un sondino naso-gastrico (un tubo di gomma che, passando dal naso arriva fino allo stomaco) da tenere costantemente per 10 giorni al quale attaccare, come sostitutivo dei pasti, una pompetta elettrica che introduce nello stomaco una soluzione liquida di proteine…

La nutrizione enterale viene usata da anni per alimentare le persone CHE NON POSSONO  mangiare cibi in quanto affette da problematiche (malattie) all’apparato gastro-enterico. Il passo per il “geniale” dottore è stato breve….: perchè non applicarlo anche alle persone che malate non sono….?

La validità del metodo è stata avvalorata da numerose testimonianze di persone giovani e anziane più o meno in sovrappeso che erano estremamente felici di “dimagrire” senza sacrifici……

La mia prima reazione è stata esclamare: “mortacci vostri”.. 🙂 , la seconda provare un sentimento misto di rabbia e desolazione…… per i seguenti motivi:

  1. Il metodo è efficace perchè effettivamente il peso corporeo cala repentinamente, ma sicuramente gran parte a carico di acqua e massa muscolare (cosa ovviamente non detta in trasmissione), innescando un processo molto simile a quello generato dal digiuno…. Quindi i “malcapitati” si ritrovano meno pesanti, ma non proprio tanto più magri….
  2. L’alimentazione prettamente proteica genera uno stato di “chetosi” (l’acetone che abbiamo un pò tutti accusato da bambini) con tutte le problematiche che ciò comporta.
  3. E’ il miglior metodo per innescare il famoso effetto “yo-yo”.
  4. E’ completamente diseducativo in quanto i soggetti che si sottopongono a tale terapia, una volta tolto il sondino e ritornati a mangiare, molto probabilmente torneranno a fare i medesimi errori che li hanno portati ad ingrassare fuori misura..
  5. Posso capire l’applicazione ad un grande obeso in alternativa agli interventi chiururgici di gastro plastica o di bendaggio…., ma purtroppo il metodo viene applicato anche a persone che devono calare solo alcuni kg…..
  6. La “macchina uomo” è un meccanismo perfetto frutto di milioni di anni d’evoluzione che mal sopporta “interventi” esterni drastici..
  7. Alcune persone preferiscono andare in giro con un tubo che gli esce dal naso piuttosto che mangiare in modo sano e fare un pò di attività motoria…
  8. La cultura alimentare nel nostro paese è mediamente leggermente superiore ad un paese del terzo mondo.
  9. La cultura dell’attività motoria è messa anche peggio.. 🙁
  10. La pigrizia degli esseri umani sta raggiungendo livelli preoccupanti…….

Detto ciò…., ricordo a tutti che l’unica strada per vivere in salute tutta la vita è alimentarsi correttamente associando una costante ed adeguata attività motoria.  Il che vuol dire che si può mangiare di tutto proporzionalmente all’attività motoria svolta…. Sarò ancora più preciso…..: se vuoi mangiare molto… devi muoverti molto…. Mi sembra un principio alquanto elementare…

Bravo Bruno (Vespa) che hai, indirettamente, pubblicizzato questa bella amenità……..

E tu cosa ne pensi? Fammi sapere lasciadomi un commento!

Ciao a presto!

  1. Mac Said,

    Temo che la tua analisi sia un po’ drastica e con qualche inesattezza.

    Innanzitutto, a parte il metodo insolito di somministrazione, la dieta non è esattamente nuova: l’induzione della chetosi è alla base di tutte le diete “low-carb” e iperproteiche, a partire dalla Atkins, ed è popolare tra atleti e bodybuilder (spesso con l’aggravante del periodo di recupero in largo eccesso calorico).
    Quindi, niente di nuovo sotto il sole. Semmai, la somministrazione liquida previene errori e conseguenti carenze alimentari accessorie tipici delle diete fai-da-te, incluse quelle non tanto drastiche.

    Detto ciò, il problema è capire il perché ci si sottopone a diete drastiche… ci sono casi in cui la cosa può avere un senso, ma se lo scopo è mettersi il costume dell’anno scorso allora c’è un grave scompenso neuronale in corso.

    Quindi, personalmente assolvo Vespa, se non altro perché ha avuto il buon senso di invitare anche il Prof. Calabrese (anche se temo che faccia sempre più spesso il ruolo della Cassandra di turno).

    Un’ultima cosa: che l’educazione alimentare in Italia non sia brillante, è un dato di fatto… ma se pensi che siamo il terzo mondo non hai girato granché del “primo” mondo, U.S.A. e Germania in testa.

    Pace

  2. Fabrizio Said,

    Caro Marco, concordo in tutto ciò che hai detto. Quello che viene propinato da media in generale è un vero e proprio insulto all’intelligenza umana. Dopotutto ci insegnano a “non pensare” ad essere pigri anche in tal senso quindi non attendiamo altro che soluzioni pronte e più queste sono apparentemente rivoluzionarie e superficialmente efficaci più attraggono soprattutto se non costano sacrifici e fatica perchè di questi due termini abbiamo ormai da tempo perso significato, valore e considerazione

  3. Carmen Said,

    ne avevo già sentite tante ma questa mi mancava. sinceramente non riesco proprio a capire come una persona preferisca girare con un sondino, piuttosto che alimentarsi in maniera sana. forse perchè non sanno che mangiare sano vuol dire poter mangiare tutto e con gusto. E poi oramai è risaputo che le diete che ti fanno perdere peso in poco tempo non sono efficaci, perchè il corpo umano non è mica fatto per espandersi e ridursi nel giro di 10 giorni?? e qui mi chiedo chi ha più colpa. la gente “ignorante” (in quanto ignora un informazione utile) o i mass media e i programmi che danno spazion a quei ciarlatani. direi che più che mai sono contenta di non guardare più la TV , di NON pagare il canone Rai e di avere trovato persone come te, Fosca e Cristina che fanno veramente del bene alle persone.
    ciao a presto.

  4. Marco Caggiati Said,

    Risposta per Mac:

    Ciao Mac vado a risponderti in sintesi alle tue “osservazioni” utilizzando lo STAMPATELLO:

    “Innanzitutto, a parte il metodo insolito di somministrazione, la dieta non è esattamente nuova: l’induzione della chetosi è alla base di tutte le diete “low-carb” e iperproteiche, a partire dalla Atkins, ed è popolare tra atleti e bodybuilder (spesso con l’aggravante del periodo di recupero in largo eccesso calorico).
    Quindi, niente di nuovo sotto il sole. Semmai, la somministrazione liquida previene errori e conseguenti carenze alimentari accessorie tipici delle diete fai-da-te, incluse quelle non tanto drastiche.”

    IL METODO “NED” E’ IN USO DA UN ANNO CIRCA E NON SI TRATTA DI UN’ALIMENTAZIONE A BASSO CONTENUTO GLUCIDICO MA ESCLUSIVAMENTE COMPOSTA DA PROTEINE. OVVIAMENTE LA NOVITA’ CONSISTE NELLA NUTRIZIONE PARENTERALE PER SOGGETTI SANI.. CHE TIPO DI ERRORI SI POSSANO EVITARE INTRODUCENDO SOLO PROTEINE (QUINDI ANDANDO CONTRO QUALSIASI TIPO DI PRINCIPIO ALIMENTARE….) NON RIESCO A CAPIRLO…

    “Detto ciò, il problema è capire il perché ci si sottopone a diete drastiche… ci sono casi in cui la cosa può avere un senso, ma se lo scopo è mettersi il costume dell’anno scorso allora c’è un grave scompenso neuronale in corso.”

    A PRESCINDERE DAL PERCHE’ LA SI INTRAPRENDA………, OGNI DIETA DRASTICA E’ COMPLETAMENTE DISEDUCATIVA ED IMPRODUTIVA SIA NEL BREVE PERIODO (INFATTI IL PESO SI RIDUCE SOPRATTUTTO A CARICO DI MUSCOLI ED ACQUA), CHE NEL LUNGO PERIODO. SE VIENE A MANCARE LA PRESA DI COSCIENZA CHE TI PERMETTE DI GESTIRE CORETTAMENTE LA TUA ALIMENTAZIONE UNA VOLTA INTERROTTO IL TRATTAMENTO…., SE TORNI A MANGIARE COME PRIMA…., TORNI AD INGRSSARE COMEPRIMA……

    “Quindi, personalmente assolvo Vespa, se non altro perché ha avuto il buon senso di invitare anche il Prof. Calabrese (anche se temo che faccia sempre più spesso il ruolo della Cassandra di turno).”

    IL “BUON VESPA” SEMBRA CHE INVITI CALABRESE PIU’ PER CREARE UNA “SITUAZIONE” DA CABARET (FACENDO BATTUTE A RIPETIZIONE” PIU’ CHE NOBILITARE LA SUA CONOSCENZA. QUINDI VESPA E’ BOCCIATISSIMO!

    “Un’ultima cosa: che l’educazione alimentare in Italia non sia brillante, è un dato di fatto… ma se pensi che siamo il terzo mondo non hai girato granché del “primo” mondo, U.S.A. e Germania in testa.”

    QUANDO SCRIVO CHE LA CULTURA ALIMENTARE IN ITALIA E’ DA “TERZO MONDO” E’ PER DIRE CHE SIAMO MESSI MALE, CONDIVIDO CERTAMENTE CHE TRA I PAESI DEL PRIMO MONDO NON SIAMO QUELLI MESSI PEGGIO. GUARDARE CHI STA PEGGIO DI ME NON E’ MAI STATO NELLA MIA INDOLE. SE VUOI MIGLIORARE DEVI SEMPRE GUARDARE CHI TI STA DAVANTI…. 🙂

    Ti saluto con la tua stessa Pace 😀

    Grazie per l’opportunita’ di confronto

  5. Marco Caggiati Said,

    Risposta per Fabrizio

    Caro Fabrizio non posso far altro che rispondere al tuo commento con un “urlato” AMEN!! Le tue sono parole sante. Come esseri umani abbiamo un’indole genetica che ci spinge a trovare situazioni di comodo e schivare la fatica per vivere più a lungo. Questo ci ha permesso di allungare la nostra aspettativa di vita media eliminando lavori eccessivamente pesanti e le problematiche legate alla denutrizione. Purtroppo la nostra “indole” stà invertendo il processo…… Stiamo ormai subendo un “rimbalzo” molto pericoloso. Le persone non si muovono più e si cibano in eccesso con alimenti che sono sempre più lontani da ciò che mangiavano i nostri nonni… Bisogna sempre ricordarsi che quasi il 50% della popolazione muore per patologie legate all’apparato cardio circolatorio (ictus, infarto del miocardio…., ecc) senza contare chi “si salva” ma rimane “offeso” per tutta la vita. Alcuni dei principali fattori di rischio delle malattie cardio vascolari sono la sedentarietà ed il sovrappeso (unitamente ad ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, iperglicemia ecc.., tutti fattori condizionati direttamente da alimentazione ed allenamento).
    Ormai dilaga la cultura che io definisco “della pillola” dove le persone cercano soluzione ai loro problemi esternamente (nella pillola…, o nel sondino naso gastrico…..) piuttosto che “guardarsi allo specchio” e dirsi: “sono proprio uno S……O!!!!! E’ ora di rispettare il mio corpo”. Questo non accade semplicemente perchè costa fatica e costanza….
    Faccio fatica ad abituarmici……, ma è purtoppo così….. Una volta mi arrabbiavo anche…., adesso provo solo compassione per chi cerca scorciatoie…., che tra l’altro non portano nemmeno alla meta ricercata….
    Ciao a presto e grazie per il commento

  6. Marco Caggiati Said,

    Per Carmen

    Non dire che non paghi il canone Rai perchè ti vengono a carcerare!!!!! 🙂 !!!
    Per il resto, condivido.
    Basta co i complimenti perchè sembra che ti paghi…… 🙂

    P.s.: Stavo scherzando…., continua con i complimenti che non guastano mai…. 😀

  7. maria concetta Said,

    Salve…premesso ke purtroppo sono una grande obesa, per vari fattori e il primo di tutti perchè faccio una cattiva alimentazione, nn come quantità, ma soprattutto come qualità. Bene, la settimana prossima farò parte anke io di quelle “sciocche” persone ke avranno messo il sondino alimentare. Mio marito lo ha fatto 8 mesi fa e sta meraviglosamente bene, i suoi valori alterati sono ritornati nella norma, e adesso segue un regime alimentare corretto e soprattutt controllato. Per vari motivi, nn si riesce a seguire una dieta, primo fra tutti lo stato psicologico in cui ti trovi, magari i risultai nn arrivano subito, ecco perchè l’introduzione del sondino non vuole sostituirsi a diete, ma vuole dare un imput a chi nn trova spiragli….

  8. Marco Caggiati Said,

    Ciao Maria Concetta, mi fa molto piacere ricevere un commento da una “grande obesa” in quanto mi dai la possibilità di sottolineare un concetto che forse ho, a torto, tralasciato nel mio articolo. Le considerazioni che ho fatto nell’articolo sono riferite a coloro che si affidano alla nutrizione parenterale (il sondino) per perdere 5/10kg …, o anche meno. L’applicazione ai grandi obesi ha una sua ragionevonele ragione d’esistere. So per esperienza diretta che far dimagrire un grande obeso “solo” con una dieta personalizzata e costante attività moltoria sia molto, ma molto, difficile..

    La componente psico-emotiva è fondamentale ed un approccio non sostenuto in continuazione da professionisti che ti stanno vicino (nella fattispecie io negli allenamenti ed il mio staff alimentare per la dieta) è certamente fallimentare.

    Quindi nel caso dei grandi obesi “ben venga” l’alimentazione parenterale ma solo se corredata da una educazione alimentare e motoria che permetta al grande obeso di capire gli errori che lo hanno portato a diventare tale e che, soprattutto, gli impediscano di ritornare come prima. In sintesi renderlo proattivo nel processo e non subirlo solamente.

    Ti auguro tutta la fortuna possibile per il tuo percorso. 🙂

    Ps.: ti sarei infinitamente grato se mi spedissi via mail (coprendo nome e cognome) la dieta che hanno dato da seguire a tuo marito per conoscere meglio il “dopo” del metodo.

    Spediscila pure ad info@allenamentofitness.com

    Grazie ciao 🙂

  9. giovanna Said,

    Caro Marco Fabrizio e Carmen,
    Siamo tutti capaci a scrivere e a parlare, ma quando si tratta della vita vera e’ un altra cosa .La verita’ e’ che non esiste via d’uscita definitiva che non arrechi danni alla salute.Tutti gl’interventi chirurgici finalizzati al dimagrimento definitivo hanno controindicazioni anche gravi.Quando parlate di diete mi metto a ridere, perche’ tutti noi ne abbiamo strafatte ottenendo il risultato d’ingrassare cio che si e’ perso piu gl’interessi solo perche non si riesce ad essere costanti, nonostante l’attivita fisica.E poi quanto riesci a perdere? 10/15 kg al massimo e quando ne devi perdere oltre i 20kg e’ un fallimento sicuro !La dieta e’ fatica mentale fisica che ti distrugge la psiche, gia logorata per altri problemi che ti hanno portato ad ingrassare.Pertanto non aprite bocca per dare fiato e grazie invece a chi ci da soluzioni che ci fanno felici anche se per brevi periodi di vita.Ci sono tante ragioni per cui uno diventa sovrappeso/obeso e ognuno e’ libero di sciegliere anche di farsi prendere in giro cari Professori dei miei stivali! Il sondino naso gastrico puo essere un punto di partenza per chi deve perdere molti chili sappiamo benissimo che non e’ la soluzione come non non ce ne sono definitive per nessuno.Tutti gli obesi sanno come dovrebbero mangiare perche hanno gia fatto milioni e milioni di prove di regimi alimentari che vanno in fallimento perche quello che hanno da perdere nemmeno ve lo sognate ! e tra un a dieta e l’altra un fallimento e l’altro gli anni passan e ti ritrovi tutti i problemi gia elencati .Se il sondino ci aiuta ad essere piu magri e a ripartire ben venga! Concetta non gli mandare proprio nulla ne farebbe anche di questo una gogna, diffida di questa gente!

  10. Marco Caggiati Said,

    Ciao Giovanna, prima di rispondere al tuo commento voglio dirti che ti voglio bene, sinceramente!! 🙂 Vado a risponderti in STAMPATELLO

    Caro Marco Fabrizio e Carmen,
    Siamo tutti capaci a scrivere e a parlare, ma quando si tratta della vita vera e’ un altra cosa.
    NON CAPISCO COSA TU VOGLIA DIRE, LA NOSTRA VITA A TUO PARERE E’ FALSA..?

    La verita’ e’ che non esiste via d’uscita definitiva che non arrechi danni alla salute.
    IO TI POSSO PARLARE DI QUANTO FACCIO DA PIU’ DI 10 ANNI CON I MIEI CLIENTI CHE SONO SANI, FELICI E NON HANNO AVUTO NESSUN DANNO ALLA LORO SALUTE… D’ALTRONDE CONSOSCI EFFETTI COLLATERALI AD UNA SANA ALIMENTAZIONE ASSOCIATA AD UN REGOLARE ESERCIZIO FISICO…?

    Tutti gl’interventi chirurgici finalizzati al dimagrimento definitivo hanno controindicazioni anche gravi.
    SI, HAI RAGIONE.

    Quando parlate di diete mi metto a ridere, perche’ tutti noi ne abbiamo strafatte ottenendo il risultato d’ingrassare cio che si e’ perso piu gl’interessi solo perche non si riesce ad essere costanti, nonostante l’attivita fisica.E poi quanto riesci a perdere? 10/15 kg al massimo e quando ne devi perdere oltre i 20kg e’ un fallimento sicuro !
    MI DISPIACE DELUDERTI MA NON PUOI FARE DI “TUTTA L’ERBA UN FASCIO” IN QUANTO ESISTONO DIFFERENTI TIPI DI APPROCCI DIETOLOGICI E MOTORI. PER QUANTO RIGUARDA LA MIA ESPERIENZA PROFESSIONALE NESSUNO E’ TORNATO AD INGRASSARE APPLICANDO CIO’ CHE HA IMPARATO CON IL MIO PERCORSO. LOGICO SE UNA PERSONA CHE E’ DIMAGRITA MANGIANDO CORRETTAMENTE (CHE NON VUOL DIRE MANGIARE MALE E POCO….) E FACENDO LA GIUSTA REGOLARE ATTIVITA’ MOTORIA, TORNA A STRAFOGARSI DI SCHIFEZZE E A POLTRIRE SUL DIVANO…., LOGICO CHE TORNA AD INGRASSARE……. SE TU HAI AVUTO ESPERIENZE FALLIMENTARI NON VUOL DIRE CHE TUTTI LE DEBBANO AVERE…..

    La dieta e’ fatica mentale fisica che ti distrugge la psiche, gia logorata per altri problemi che ti hanno portato ad ingrassare.
    FORSE IL PROBLEMA RISIEDE PROPRIO NEGLI “altri problemi” DEI QUALI PARLI…. SE PER TE IL CIBO E’ UNO SFOGO EMOTIVO IL BANDOLO DELLA MATASSA E’ DA ANDARE A RICERCARE NELL’ASPETTO PSICHICO ED EMOTIVO NON CERTO NELLA METODOLOGIA APPLICATA….

    Pertanto non aprite bocca per dare fiato e grazie invece a chi ci da soluzioni che ci fanno felici anche se per brevi periodi di vita.
    SE TI ACCONTENTI DI VIVERE “brevi periodi di vita felici” INVECE DI RISOLVERE I TUOI PROBLEMI.., NESSUNO TE LO VIETA…

    Ci sono tante ragioni per cui uno diventa sovrappeso/obeso e ognuno e’ libero di sciegliere anche di farsi prendere in giro cari Professori dei miei stivali!
    LEGGO VAGAMENTE NELLE TUE PAROLE UN PIZZICO DI ASTIO NEI CONFRONTI DEI DIETISTI E DEGLI EDUCATORI MOTORI CHE HAI INCONTRATO SULLA TUA STRADA E ME NE DISPIACCIO. PERO’ DATO CHE NON HAI LA PIU’ PALLIDA IDEA DI CHI SIA IO E DI COSA FACCIA CON I MIEI CLIENTI (NON PERCHE’ IO SIA UN “FENOMENO” MA PROPRIO PERCHE’ NON LO SAI PUNTO E BASTA) POTRESTI EVITARE DI EPITETARCI COME “professori dei miei stivali” PERCHE’ ALQUANTO DI CATTIVO GUSTO.

    Il sondino naso gastrico puo essere un punto di partenza per chi deve perdere molti chili sappiamo benissimo che non e’ la soluzione come non non ce ne sono definitive per nessuno.Tutti gli obesi sanno come dovrebbero mangiare perche hanno gia fatto milioni e milioni di prove di regimi alimentari che vanno in fallimento perche quello che hanno da perdere nemmeno ve lo sognate ! e tra un a dieta e l’altra un fallimento e l’altro gli anni passan e ti ritrovi tutti i problemi gia elencati .Se il sondino ci aiuta ad essere piu magri e a ripartire ben venga! Concetta non gli mandare proprio nulla ne farebbe anche di questo una gogna, diffida di questa gente!
    SE HAI LETTO TUTTI I COMMENTI AVRAI CERTAMENTE NOTATO CHE IO STESSO HO AFFERMATO CHE IL SONDINO NASO GASTRICO PUO’ ESSERE UNA VALIDA ALTERNATIVA ALL’APPROCCIO CHIRUGICO DELL’OBESO. CHE RIDUCA VELOCEMENTE TUTTI I FATTORI DI RISCHIO PER LA SALUTE LEGATI ALL’OBESITA’. CHE SIA SEGUITO PERO’ DA UN PROCESSO RIEDUCATIVO ALIMENTARE E MOTORIO CHE AD OGGI NON MI E’ DATO CONOSCERE (E’ IL MOTIVO PER IL QUALE HO CHIESTO A CONCETTA LUMI, AL SOLO FINE DI CAPIRE NON CERTO PER “mettere alla gogna niente e nessuno”)

    IN CONCLUSIONE TI RICORDO CHE IL MIO DISGUSTO E’ NATO PER COLORO CHE SI AFFIDANO ALLA NUTRIZIONE PARENTERALE PER PERDERE 4-5KG.

    TI AUGURO TUTTO IL BENE POSSIBILE E DI RISOLVERE I TUOI PROBLEMI QUANTO PRIMA, CIAO

  11. Alessandra Said,

    ciao Marco, e ciao tutti.
    Mi presento, mi chiamo alessandra, ho 38 anni sono alta 1.80, e pesavo 135 kg fino alla fine di giugno.
    Mi hanno detto che ne dovrei pesare 79 – ho fatto sport agonistico per una vita ed ho molti muscoli.
    Io il sondino lo sto facendo, sono al secondo ciclo appena iniziato, dopo di chè, nonostante non avrò raggiunto il peso desiderato, passero’ ad una dieta “normale” ossia quella bilanciata con movimento.
    E’ un vita che mi alleno ed è una vita che faccio diete – ho affrontato il sondino con molte paure e perplessità, leggendomi prima tutti i siti e le opinioni a riguardo. Vi spiego perchè ho deciso di farlo:
    1. mi è capitato in passato di fare diete “iperproteiche e ipocaloriche” anche sotto allenamento pesante e sono le uniche che abbiamo funzionato bene e non hanno influito mai negativamente sul mio rendimento sportivo, gare incluse.
    2. uso il tubicino per “sbloccarmi” da una situazione in cui, pur sapendo benissimo cosa mangiare e come muovermi, sono almeno 5 anni che non ho nessun tipo di risultato.
    Di certo per me il problema è stato passare da una vita di allenamenti (almeno 4 h al giorno) ad una vita sedentaria fatta di ufficio e studio
    avevo bisogno di qualcosa che mi desse la spinta per rimettermi in carreggiata, e tornare a dover perdere “solo” 25 kg e non 45 ..
    al momento sono a 125
    i 10 kg in 10 gg sono un miraggio – ossia, quando ti mettono il sondino, ti dicono che puoi perdere dal 7 al 10% del tuo peso iniziale, ma personalente di tutti quelli che erano in sala d’aspetto non ne ho sentito nessuno che abbia perso 10 kg
    ci si aggira sugli 8 – 9 a ciclo, ed in ogni caso, e questa cosa ti viene detta, durante la dieta di mantenimento ne riprendi per forza di cose 1 o 2
    quindi non stiamo parlando di 20 kg in 20 gg ma piuttosto di 16 in un mese .. si e no
    che è comunque un calo drastico, ma non cosi’ drastico come si vuol far credere.
    chi si mette questa cosa per perdere 5 kg, anche secondo me è un pazzo, anche perchè se pensate che questo regime sia una passeggiata, vi sbagliate di grosso.
    Innanzitutto l’introduzione del sondino da un fastidio esagerato, e anche se di dicono che dopo 10 min passa.. non è vero, io l’ho sentito e mi ha dato fastidio per tutto il primo ciclo (ora al secondo un po’ meno)
    andare in giro con questo coso nel naso è penoso, anche se prendi tutto il coraggio che hai e lo fai, la soluzione proteica puzza di vomito (o almeno per me) quindi se ti capita di aprire la sacca o versarne il contenuto sono dolori, la gestione della pompa è una palla, sopratutto se te ne capita una che si blocca continuamente e suona suona (il primo ciclo ho passato una notte insonne con la pompa che suonava ogni 3 min, e solo i 300 euro di caparra mi hanno trattenuto dal buttarla dal balcone) ed in ogni caso dormire facendo pipì ogni 2 h (almeno all’inizio) non è il massimo. per non parlare delle giornate dove sei davvero stanco perchè senza energia e senza calorie e non riesci nemmeno a fare le scale (io ci ho fatto un trasloco.. am è stata dura).
    Personalmente il primo impatto psicologico che ho avuto è stato ” se mi tocca anche una sola altra volta mettere sto coso piuttosto non mangio mai più” e infatti nei 10 gg di mantenimento sono stata talmente attenta che ho preso 1 kg solo.
    Insomma secondo me è un buono starter – ma non intendo giocare con la mia salute (sono convinta che uno stato di chetosi prolungato non sia il massimo) per piu’ di 30 gg.
    Pero’ vorrei chiedere una cosa a Marco: perchè dici che intacca i muscoli?
    Il professore in questione sostiene e dimostra che i muscoli non vengono intaccati ma che quella che viene intaccata dalla chetosi è la massa grassa.
    Ed in effetti ti fanno una misurazione delle due masse all’inizio del ciclo ed alla fine, e quello che si vede è una diminuzione di massa grassa e liquidi (nel mio caso su 7 kg persi, 5 di grasso e 2 di liquidi) e leggendo anche solo su wikipedia in cosa consiste il processo di chetosi si vede che vengono intaccati i grassi e non il resto .. quindi da cosa evinci la tua affermazione ?

    garzie
    alessandra

  12. Marco Caggiati Said,

    Ciao Alessandra, mi fa molto piacere ricevere una testimonianza da parte di una persona che ha provato “sulla sua pelle” l’alimentazione per via enterale. Il tuo “racconto di vita” è veramente illuminante per spiegare cosa vuol dire “fare la dieta del sondino”. Grazie! Per quanto riguarda la tua domanda, ti faccio i miei complimenti perchè è arguta. Quello che tu affermi è vero e sacrosanto, lo stato di chetosi è generato anche e soprattutto dalla scomposizione dei grassi che però, aimè vengono utilizzati dall’organismo successivamente ad un impiego iniziale (nei primi giorni di dieta) degli aminoacidi che rappresentano veri e propri mattoni dei quali sono costruiti i nostri muscoli. Ciò significa che CERTAMENTE qualche kg di quelli che hai perso sono sicuramente da addebitare alla perdita di massa muscolare e quindi si ottiene, come problematico “effetto collaterale” anche una diminuzione del metabolismo basale che è costituisce un terreno estremamente fertile per tornare ad ingrassare molto velocemente…. Entrando nello specifico mi piacerebbe sapere che metodiche di analisi di composizione corporea hanno utilizzato al fine di rilevare la variazione dei diversi compartimenti (massa cellulare, acqua e grasso). Fammi sapere, Grazie

  13. loredana Said,

    Caro marco innanzitutto complimenti il tuo sito e’molto interessante
    Volevo solo specificare che la dieta del sondino e’un tipo di alimentazione enterale, non parenterale.
    La parenterale e’ la nutrizione,attraverso apposite sacche di nutrienti vari,che avviene endovena, in infusione in vene di grosso calibro o,meglio,di vene centrali tipo la succlavia o la giugulare, la dieta del’sondino e’ enterale.

  14. Marco Caggiati Said,

    Ciao Loredana, grazie per l’appunto correggo subito 😉 🙂

Aggiungi un Commento

Please insert the signs in the image:

Comments links could be nofollow free.

Subscribe to Allenamento Fitness


Video & Audio Comments are proudly powered by Riffly