Allenamento Fitness

Tutto ciò che riguarda il Fitness lo sport l'allenamento e l'alimentazione

 

Niente male come titolo di un articolo….. :-D.., niente male come titolo di un Libro! 😀 Infatti oggi proprio di un libro voglio parlarti. Durante le feste natalizie occupo volentieri il surplus di tempo libero leggendo qualche libro e uno dei più interessanti che ho “fumato” in queste vacanze è stato appunto “Corro perché mia mamma mi picchia”, scritto a due mani da Giovanni  Storti (Il Giovanni del mitico trio comico “Aldo Giovanni e Giacomo”) e da Franz Rossi (Amico e compagno di corsa di Giovanni, runner su lunghe distanze su percorsi ultratrail).

Mi piace leggere libri che parlano di corsa, ma non di aspetti tecnici, sono solitamente noiosi.. Mi piacciono i libri scritti da chi corre, leggere le loro storie di vita vissuta, le avventure vissute “su due piedi”.

“Corro perché mia mamma mi picchia” è proprio il genere di libri che mi piacciono. Scritto in un modo veramente semplice è un libro che consiglio sia ai Runner esperti, che possono farsi due risate leggendo le vicissitudini di Giovanni e ritrovarsi negli usi e costumi di “compagni di passione”, sia a chi non ha mai corso, in quanto la sua lettura “stimola la corsa”.

Quando leggo questo genere di libri mi diverte scoprire come pensieri, considerazioni e abitudini legate alla corsa siano ricorrenti in persone diverse per età, sesso, professione…..

Mi è capitato spesso di annuire sorridendo leggendo di racconti che ho vissuto decine di volte e di sensazioni sentite sulla mia pelle ogni volta che corro.

Inutile dire che le pagine scritte da Giovanni sono a tratti anche esileranti, rendendo la lettura ancora più piacevole e fluida.

Non mancano anche alcuni “intermezzi” dove vengono trattati alcuni argomenti tecnici molto utili per i neofiti della corsa. Vengono descritti i “pericoli della corsa”, “l’abbigliamento”, “l’alimentazione”, “la differenza tra podista della domenica e top runner”, in modo semplice e utile e , nel 98% dei casi,  corretto (ho notato solo due inesattezze/superficialità più che perdonabili, se scritte da non professionisti dell’allenamento).

Infine, consiglio questo libro soprattutto a tutti coloro che si chiedono il “perché”  i podisti corrono…, che si chiedono: chi “glielo fa fare” oppure “che senso ha correre, tanto per correre, senza un motivo” (di solito questo lo pensano i calciatori… 😀 ). Uno dei primi capitoli spiega proprio questo…….e sarà stupefacente scoprire, tra le altre cose, che correre è INUTILE e la sua inutilità….. è ciò che la rende una cosa fantastica al pari dello scrivere una poesia, dipingere, scrivere una sinfonia, buttarsi da un aereo con un paracadute, saltare a 8 metri d’altezza con una moto….ecc…

Fare cose apparentemente “inutili” è quello che caratterizza la specie umana, appassionarsi e rendere abituali gesti che non sono strettamente necessari per la preservazione della specie (anche se la corsa fa bene anche alla salute…, se non si esagera.. 😉 ) è quello che ci rende umani…

La corsa rientra a pieno titolo nelle cose che bisogna fare nella vita per capire più profondamente la vita stessa…, la corsa è una di quelle cose che non si possono spiegare, non si possono “far capire”…. Per capire il valore della corsa bisogna correre…e non basta farlo una volta…, per capirlo bisogna farlo con costanza e prima o poi per tutti, anche ai più reticenti, arriverà il momento in cui arriverà un “flash” e in quell’attimo tutto sarà chiaro, semplice, scontato e tutte le “domande”, tutti i “che senso ha correre” svaniranno…. In quel momento la corsa diventerà importante quanto l’aria che respiri…. 😉 .

Per oggi è tutto, ciao al prossimo post e buona corsa! 🙂

P.s.: manca veramente poco all’apertura delle iscrizioni al mio nuovo corso “Intelligenza Motoria” dove ti parlerò anche di corsa….. 😉

P.P.s: se ancora non sei iscritto alla mia newsletter.., corri 😀 subito a registrarti (trovi il form in alto a destra) perché riserverò a tutti i miei followers uno sconto strepitoso per l’iscrizione al corso! 😀

Titolo Libro: Corrro perchè mia mamma mi picchia

Autori: Giovanni Storti e Franz Rossi

Casa editrice: Mondadori

Ugo Cappello 100 km del kalahari 2012

Oggi non ti voglio parlare di temi legati strettamente all’allenamento ed al fitness anche se la storia che stai per leggere parla anche di questo.

Oggi lascio la “penna” a Ugo Cappello un mio Cliente diventato anche Amico con il quale ho condiviso (condivisione nel senso che io pensavo gli allenamenti e lui li faceva… 🙂 ) 7 mesi intensi di preparazione per correre una bella gara di podismo nel deserto: la 100 km del Kalahari.

La gara si svolge a tappe e si sviluppa nell’arco di 4 gironi.

1^ tappa di 15 km, 2^ di 23,  3^ di 42 km e per finire 21 km in notturna.

Il caldo torrido del deserto ed il terreno dislivellato del deserto con ripide dune e pietraie da affrontare rendono questa gara molto impegnativa da fare e da preparare sia dal punto di vista atletico che alimentare.

Ringrazio Hugo (si perchè a me piace chiamarlo alla francese.. 🙂 ) per avermi dato la possibilità di “esplorare” un nuovo mondo: le gare di endurance nel deserto! E’ stato un piacere lavorare con te, mi sono divertito!! 🙂

Ma ora “bando alle ciance”, lascio il meritato spazio a Hugo e al suo racconto della 100 km del Kalahari! 🙂

“E dopo sette mesi di dura preparazione, agli ordini del generale Marco, arriva il giorno della partenza per la Namibia e precisamente per il deserto del Kalahari……mah…..come sarà??? Avrò fatto  tutto bene???……morirò?????

Nooooo….sono contento e fiducioso, e  anche se il timore reverenziale nei confronti di una nuova avventura è obbligatorio, riesco solo a pensare che sarà comunque un bel viaggio, di quelli che ti rimarranno nella mente per tanto tanto tempo, a partire dalla preparazione, che, come dice il buon Marco, DEVE far parte del viaggio, fin dal primo momento che hai deciso di intraprendere questa bella avventura……

Ma bando ai sentimentalismi clericali e capitalisti…..arriviamo a Windhoek dopo nove ore di volo (di notte, per cui ho dormito) e solo un’ora di fuso orario (e qui nessun jet-lag) e presi armi e bagagli si parte per la nostra prima destinazione….. Il pulmann avrà solo circa 25 anni con aria condizionata ( si…..dal tempo)…. ma è tutto così fascinoso….. C’è una strada asfaltata lunghissima, ai lati il nulla e poi ad un certo punto, dopo due ore,  si gira a sinistra e inizia una strada sterrata…..Va bè, si dice: saremo arrivati…… Eeeehh  no, troppo facile!

E così proseguiamo per un’altra ora e mezza, in uno scenario speciale: savana ai lati, questa strada polverosa e dune di sabbia color ocra che tagliamo ogni km circa…..  Troppo da Africa……. L’arrivo al primo Lodge è un po’ un sollievo. Ci consegnano le camere, c’è il pranzo, si inizia a conoscere i compagni di avventura e il primo giorno vola via veloce, con una gran dormita pomeridiana (l’aereo non è il massimo) da parte di tutti.  Il breefing serale con la consegna dei pettorali e informazioni di vario genere……natura del terreno…temperature… varie ed eventuali. A questo punto siamo tutti pronti…..

La cena serale è un piacere, conoscere altre persone, scambiare impressioni, riflessioni, presentimenti…….a letto presto…..domani è un bel primo giorno di gara, 15 km ……come saranno?????? Il bello è che NON SONO PREOCCUPATO! Bella dormita; facciamo i bagagli e in pulmann ci portano alla prima partenza a circa 1 ora dal lodge (domani alloggeremo in un altro lodge). Arrivo, ci scarichiamo dal mezzo e prepariamo le ultime cose ……acqua, barrette, camelbak….. Camelbak????? Porca miseria, faccio per allacciarlo e mi si spacca la cerniera…..un attimo di panico, poi prendo il kit di sopravvivenza obbligatorio e mi ricordo che ho un bel po’ di spille da balia e rappezzo così, e alla grande anche….

5…4….3… 2…1……viaaaaaaa!  Parto con tutti gli altri, siamo in 26 bravi o meno, anche 5 /6 donne e basta 1 km per sgranare il gruppo. Non sono messo male, viaggio tranquillo, ho un mio tempo di riferimento da tenere e non voglio peccare di presunzione, per cui, sono a metà del gruppo e ci rimango. Mi guardo in giro, è tutto molto fascinoso, è un po’ nuvoloso  e questo aiuta un po’ a prendere il giusto ritmo e non soffrire troppo il caldo.

Cappello Ugo 100 km kalahari 2012

La strada è sabbiosa e devi guardare  dove mettere i piedi per avere il giusto appoggio….ma non sempre ci riesci, per cui sprofondi un po’ e riparti a fatica e quando riparti, ad un certo punto, ti ritrovi con queste dune alte 15/20 mt con una salita lunga magari 200/300 metri, dove la sabbia ti sprofonda sotto i piedi e sei costretto a fare dei piccoli passi per salire. Tanti camminano, ma trovo sia più faticoso per cui…….via così. E duna su duna, strade sabbiose in mezzo alla savana, colori, caldo  e animali che corrono via al tuo arrivo e….

Corrono!!!….Alla fine mi ritrovo in un attimo all’arrivo e riesco a fare con tutta  tranquillità uno scatto da centometrista con espressione da ……” traguardo, tu m’hai provocato, e io te distuggo”. Felice mi ritrovo a commentare la gara…..1,38 h. circa il tempo, ma non ha alcun significato. E’ iniziata  non una gara, ma un’esperienza, e tale deve rimanere fino alla fine. Pomeriggio di relax nei lodge e sotto le piante, sera con cena al lume di candela e fuoco e tante belle chiacchere con gli altri partecipanti. E’ tutto molto sereno e piacevole. Due parole di breefing, diapositive del primo giorno……e sono molto felice.

Ugo Cappello 100 km kalahari corsa

Andiamo a dormire in tenda ( e si….si dorme nelle tende con materrassino di gomma piuma…..scomodissimo), ma questo era il programma e questo rimarrà fino alla fine, tra l’altro ogni mattina con la  sveglia delle 5,00 devi subito fare i bagagli, perché l’arrivo di ogni tappa non è sempre lo stesso…..tu fai i bagagli, l’organizzazione smonta le tende, prende le valigie e mentre tu corri, loro riposizionano il tutto da un’altra parte….: spettacolare…….

Ugo Cappello Tenda 100 km kalahari

5…4….3….2….1……viaaaaaa con la tappa da 24 KM; stesso ritmo del giorno precedente, tenendo conto che i km in più da fare sono 9, per cui devi fare molta attenzione a non bruciarti alla partenza. Questa volta c’è il sole e, nonostante una leggera brezza mattutina, il caldo dopo circa un’ora di corsa inizia a farsi sentire. Viaggio bene, le gambe non risentono minimamente dei 15 km precedenti, bevo spesso e ricordando i consigli del mio trainer, ogni 25 – 30 minuti, mangio…..un gel…..una barretta e ai rifornimenti mi fermo a bere molto, e comunque a trarre quell’attimo di respiro necessario per ripartire alla grande.

I ristori sono sempre in cima alle dune, arrivi con il cuore  al limite della gola  e ci metti un attimo a riprenderti, ma è proprio un attimo, il cielo e l’orizzonte ti spingono a ripartire e vai…vai…..vai…… senza avere alcun pensiero, se non di godere di quel cielo azzurro, di quel profumo di tutto ciò che ti circonda, di quel caldo… così caldo, ma al tempo stesso così piacevole, da farti dimenticare che sono circa 35 gradi…..

E’ Africa…….poi all’improvviso, finisce la savana e inizia quello che viene chiamato PAN….una piana, ma così piana…..e lì ti accorgi di due cose. Le distanze, di come siano in certi luoghi effettivamente infinite ( le bandierine del percorso sembravano a portata di mano  e poi abbiamo percorso circa  6/7 KM) e che i miraggi esistono!!!!!!! Caldo, terreno piatto, riverbero, cielo, sole, ecc, ci facevano pensare che all’arrivo ci fosse un bel  lago ……e invece il nulla….spettacolo!! Arrivo alla fine dei 24 KM molto bene, mantenendo i miei tempi  e il mio posto in classifica (11°).

Le gambe stanno bene e mi bastano veramente poche ore per recuperare. La sera è sempre piacevole: c’è un bel clima, le persone sono sempre più sciolte e non si perde occasione per belle battute su tutto e tutti. Arriva il breefing e la notizia clou è che gli organizzatori si sono sentiti obbligati a ridurre la maratona di 10 KM per via del caldo anomalo e pur anticipando la partenza alle 6,30, anziché alle 7,00, non possono permettere che i più lenti debbano correre con circa 40°. A malincuore, dicono, ma una situazione del genere non era mai capitata…..per cui….

Serpeggia un po’ di malumore nei top, ma penso che l’aver preso una decisione del genere, sia stata frutto di serie considerazioni e si deve dare atto all’organizzazione della serietà e correttezza nel rispetto della salute di tutti, forti e meno forti. Detto questo  vado a letto con il pensiero: “va bè, 10 Km in meno male non fanno e comunque se così hanno deciso, accetto, se ci fosse stata la maratona……ok accetto e mi addormento…..male….sul materassino, ma mi addormento!!!!!!

Sveglia alle 4,00…..colazione dalle 5,00 e partenza alle 6,30….. la giornata si preannuncia splendida, il sole è già al suo bel posto nel suo bel cielo azzurro, azzurro, e l’aria mattutina riesce ad attenuare per poco, quel calore che nel giro di un’ora ci avrebbe amorevolmente accompagnato per tre/quattro ore fino al traguardo. Le gambe vanno bene, mi stabilizzo sul mio battito del cuore e vado…..vado….vado…e poi……cado in errore….arriva un partecipante (in classifica 11 min dietro a me) e così ridendo e scherzando facciamo un po’ di km insieme….. erroraccio clamoroso……il suo passo non è il mio, è di qualche secondo più veloce e questo mi mette in crisi……rallento…. mi riporto sui miei livelli e arrivo al terzo ristoro al 24° KM.

Sembra che abbia recuperato il passo…… ed ecco che clamorosamente commetto il secondo errore: non vedo il cartello del percorso “vai a sinistra” …….e vado diritto; mi accorgo dopo circa 700/800 mt di aver sbagliato e torno indietro……. ritrovo la strada con altri partecipanti, ma 1,5 Km in più con circa 40° ti tagliano le gambe e pur riprendendo la strada, perdo serenità e concentrazione e il morale crolla inesorabilmente. Oramai mancano pochi KM, ma il vantaggio su i due concorrenti dopo di me, lo perdo brutalmente….. arrivo un po’ stanco e demoralizzato al traguardo.

Mi dò dello stupido più volte, e mi rinfranco solo quando sento che altri concorrenti avevano sbagliato come me e altri erano stati avvisati in extremis dell’errore…… Magra consolazione ………ma bastano poche decine di minuti per capire che alla fine, quanto avevo fatto non solo era “buono”, …..di più…… Tutti, anche i top, avevano sofferto il caldo e la fatica, dando ragione all’organizzazione nel ridurre la distanza della maratona……e il bello è che in un’ora/due mi sento così bene, quasi da dimenticare che al mattino avevo fatto 32 km a 40° …… “Ah,  il mio trainer!” – ho pensato, con quegli esercizi di forza resistente in bici, con le ripetute in corsa, con quegli allunghi 10 / 20 / 30 secondi al max/medio/min……… quanto ha avuto ragione!!

Cappello Ugo 100 km kalahari gara di corsa nel deserto

Mi preparo per la cena serale e per il giorno successivo, sapendo di avere una mattina a disposizione  e il pomeriggio, per poi ritrovarci alla sera per la gara finale in notturna…….e passata una giornata all’insegna del ” safareggiare” (termine per indicare il girare per la savana a bordo di jeepponi attrezzati) alle 17,30 parte la  quarta ed ultima tappa. La formula prevede la partenza classifica inversa, distanziati di due minuti uno dall’altro….. per dare la possibilità di arrivare quasi tutti in un ordine di tempo abbastanza ravvicinato.

Io parto a metà, fa molto caldo e nei primi km devo bere molto, mi si secca la gola e ci metto 4/5 KM per regolarizzare battiti e sete….. poi quasi d’incanto il sole comincia a scendere e le ombre ad allungarsi ed è uno spettacolo vedere gli springbok (animali simili alle gazzelle) correre come treni ed è altrettanto uno spettacolo vedere il sole calare dietro le dune, vedere uno spicchio di luna comparire all’orizzonte, e le sagome dei concorrenti davanti a te…….non sai di chi siano, ma c’è il fascino di un’ombra nera che si muove sulla sabbia………impagabile……….e impagabile è vedere che mentre macini i Km, il buio si fa sempre più buio.

sprinboks

tramonto 100 km kalahari

Accendi la tua torcia sulla capoccia e illumini il sentiero……. splendida sensazione…….e le gambe che vanno, non sono affaticate, il fiato, i battiti…… tutto perfetto….. Ogni tanto i piedi affondano nella parte di sabbia che non riesci a vedere bene, ma è un attimo, poi riprendi, vedi all’ultimo momento delle strane bestie nere che ti attraversano la strada (mi dicono poi che sono scorpioni che escono dalle tane di notte), ma non ci faccio caso, sono contento, sto portando a termine il mio lungo viaggio durato sette mesi e costato tante fatiche, ma sono felice……felice …. felice……

Il mio traguardo doveva essere arrivare alla fine con il sorriso e così è stato, gli ultimi 300 MT sono riuscito a fare uno scatto incredibile e un urlo di gioia speciale e dopo il traguardo sono riuscito a sorridere……a scherzare……a fare di tutto come se niente fosse stato e soprattutto nella notte ormai della savana, mi ha dato un’enorme soddisfazione guardare quello splendido cielo stellato abbracciato alla mia dolce moglie, che mi ha accompagnato per questi lunghi sette mesi…… felici di dire per l’ennesima volta che, come disse un partecipante  “non vedente” alla 100 KM del Sahara:

“LA VOLONTA’ NON HA BARRIERE” .

Il mio trainer……..grande e bella persona. Un grande ringraziamento.”

HUGO

dolore tibiale anteriore durante la corsa

Eros, un lettore del blog, la settimana scorsa mi ha posto questa domanda:

Ciao Marco, ho iniziato a seguire il tuo sito da un po’ di tempo e volevo chiederti un consiglio su un problema che mi succede sempre da un po’ quando vado a correre. Siccome sono “ben in carne” ho deciso di iniziare a fare movimento e sono circa due settimane che vado tutte le mattine. Di solito faccio prima una camminata su per il monte qua vicino a me e poi 1-2 km di corsa. Il problema è che da un paio di giorni quando corro ho dolori lancinanti solo alla gamba destra (sotto il ginocchio, davanti e dietro) che mi costringono a fermarmi perchè la gamba si blocca. Questa settimana ho fatto solo la corsa ma il problema non migliora, anzi peggiora e non so cosa fare. Tu cosa mi consigli?”

Ad Eros consiglio di andare di corsa a fare una visita specialistica perché, da quanto posso intuire, potrebbe avere problemi al ginocchio, magari un menisco che mal digerisce il ritorno all’attività…… Ma la diagnosi non è il mio pane… Io mi occupo di persone sane, o quasi 🙂 , l’ambito del dolore è compito dei medici…

Però Eros mi ha fatto venire in mente un argomento di sicuro interesse per tutti i “neocorridori” e per questo lo ringrazio. Quando si comincia a correre o semplicemente si cammina per molti km e non si è abituati,  può insorgere un fastidiosissimo dolore ai muscoli tibiali anteriori. I muscoli tibiali sono i principali responsabili della flessione dorsale e della pronazione del piede, gesto che viene ripetuto ad ogni passo fatto.

Muscolo TIBIALE anteriore

Questo muscolo è relativamente piccolo e debole confronto alle grandi masse muscolari di quadricipiti, ischio crurali ed i forti polpacci, capita quindi che si affatichi velocemente e subisca una sorta di crampo dovuto molto probabilmente ad ischemia muscolare.

Il dolore alla tibia è quasi sempre bilaterale ed è di facile riscontro nei principianti e nei soggetti in sovrappeso oppure si può presentare quando si cambia superficie sulla quale si corre o durante gli allenamenti  in salita che obbligano il piede a flettersi e a pronarsi maggiormente in fase aerea rispetto alla pianura.

Per far cessare il dolore è sufficiente camminare, se si sta correndo, o fermarsi se si sta camminando. Se si è costretti a fermarsi può aiutare eseguire qualche minuto di stretching dei muscoli tibiali tramite il “classico” esercizio di allungamento dei quadricipiti avendo l’accortezza di afferrare il piede all’altezza della punta del piede (realizzando una flessione plantare in associazione ed una pronazione del piede).

Stretching per il  tibiale anteriore

Stretching per il tibiale anteriore e per il quadricipite

Successivamente si può riprendere il cammino o la corsa senza dolore anche se è molto probabile che dopo qualche centinaio di metri o qualche chilometro, torni a “farti visita” 🙁 . Purtoppo non ti rimane che ripetere l’operazione fino al rientro a casa…

Con il passare del tempo, organizzando allenamenti che prevedono un graduale aumento dei km percorsi, nella maggior parte dei casi, il dolore scompare e diventa solo un brutto ricordo.

Se il dolore invece non dovesse scomparire dopo alcuni allenamenti, occorre “fare un salto” da uno specialista per valutare problemi vascolari dei muscoli tibiali o periostiti della tibia.

Colgo l’occasione per ricordarti che per chiunque (sedentari o podisti incalliti disallenati) voglia cimentarsi nella corsa è opportuno prevedere un percorso d’allenamento estremamente graduale che permetta a tutto l’organismo (sistemi cardiorespiratorio e muscolo tendineo in primis..) di adattarsi ai nuovi stimoli senza inutili stress.

Se non hai mai corso in vita tua e sei sedentario da anni…, lascia perdere la corsa all’inizio, comincia con una camminata a passo svelto, poniti degli obiettivi raggiungibili e allo stesso tempo sfidanti. Sai tu quanto potrebbe andare bene per iniziare, possono “funzionare” 10 minuti di cammino come 45…., per poi passare ad un cammino alternato alla corsa, sempre più consistente…Solo tu lo puoi sapere. Nel dubbio “spara basso” e non esagerare, d’altronde come un motore ha bisogno di rodaggio prima di essere lanciato a tutta velocità.., anche il tuo corpo necessita delle stesse attenzioni.. ;-).

Per oggi è tutto!! Lascia un commento, sarò felice di risponderti!!!  Pensi che questo articolo possa interessare ai tuoi amici…? Condividilo su Facebook!! 🙂 😉

Ciao a presto e buon allenamento!!

P.s.: a proposito di corsa……, sai che è l’utlima disciplina che si pratica nel Triathlon..? Come non lo sai!?!??! Scopri di cosa si tratta cliccando qui!!! 🙂

Corsa Fartlek

Il Fartlek è uno di quegli argomenti che do per scontati in quanto più vecchi di me… 🙂 . Penso che facciano parte del patrimonio culturale comune di ogni persona appassionata di sport….., ma in realtà così non è… Perciò oggi voglio parlarti dell’allenamento di tipo Fartlek, termine svedese che significa letteralmente “gioco di velocità”.

Il Fartlek è una tipologia d’allenamento nato negli anni 30 per diversificare l’allenamento per il podismo. Ad oggi viene considerato come il precursore dell’interval training.

Il Fartlek è costituito da un’alternanza di corse veloci e lente effettuate su terreno naturale. Si potrebbe considerare come un interval training non “codificato” rigorosamente dove la durata e i momenti di carico (corsa veloce) e degli intervalli di riposo sono liberi. Le proporzioni tra i tratti di corsa veloce e quelli di corsa lenta o cammino sono lasciate interamente alla discrezione dell’atleta, a seconda  del maggiore o minore desiderio del momento. Le variazioni d’intensità possono essere dettate anche dall’altimetria del percorso (in salita la frequenza cardiaca aumenta, in pianura ed in discesa cala).

L’utilizzo di questo metodo d’allenamento è utile sia allo sviluppo delle capacità aerobiche e anche anaerobiche. Il Fartlek può essere utilizzato anche per incentivare il dimagrimeneto e, al tempo stesso, migliorare anche la prestazione atletica.

Ma ora passiamo dalla teoria alla pratica con un esempio possibile di allenamento con la metodologia Fartlek.

1. Riscaldamento camminando o correndo lentamente per 10 minuti (senza fatica, la corsa non deve risultare “affannosa”).

2. Comincia a correre in modo più sostenuto su per un tempo variabile di 6-12 minuti.

3. Cammina a passo svelto per 5 minuti.

4. Corsa a ritmo agevole (Fondo Lento) per 10 minuti inserendo a piacimento tratti di corsa veloce (Sprint) su distanza compresa tra i 70 e 100 metri.

5. Corsa a velocità sostenuta per 1 minuto alternata a corsa a ritmo medio (Fondo Medio) per circa 1o minuti.

6. Corsa a ritmo lento (Fondo lento) per 5-10 minuti come defaticamento.

Quello che ti ho appena mostrato è SOLO UN ESEMPIO di Fartlek, che può essere personalizzato a tuo piacimento in quanto una delle caratteristiche principali di questo metodo è, appunto, il fatto di essere “decodificato”. Potremmo definire il Fartlek anche come “corsa a sensazione”, ovvero se hai voglia di “tirarti il collo” , di fare uno scatto, fallo, se invece hai voglia di camminare……., anche …. 😀 😀 :-D. Ritieniti quindi libero di organizzare il tuo allenamento come meglio credi o ti senti di fare, l’unica cosa importante è seguire queste due indicazioni:

1. Deve durare almeno 45/60 minuti.

2. Deve prevedere variazioni d’intensità che spazino dal Fondo Lento (70-75% della tua riseva di frequenza cardiaca “metodo Karvonen”) al Fondo Veloce (90-95%) passando dal Fondo Medio (80-85 %) ed alcuni veri e propri sprint (corsa alla massima velocità per meno di 100 metri).

Attieniti a queste indicazioni e…, per il resto, dai libero sfogo alla fantasia……. 😉

Inoltre, considera che il Fartlek è stato sviluppato per la corsa, ma è applicapile anche a tutti gli altri sport di tipo aerobico/endurance (Triathlon, ciclismo, nuoto, canottaggio ecc..).

Per oggi è tutto, ciao a presto!! 🙂 Lascia un commento, sarò felice di risponderti!!!  Pensi che questo articolo possa interessare ai tuoi amici…? Condividilo su Facebook!! 🙂

Differenze di perfomance tra uomo e donna

Dedico quest’articolo alla mia amica e cliente Carmen Zwick  che nel 2010 si è allenata duramente per correre la sua prima maratona. Carmen mi ha posto un quesito, tramite l’iniziativa “chiedilo a Marco” che mi ha fatto pensare, ancora una volta…., che spesso quello che per me  è scontato per la maggior parte dei lettori del blog non lo è… Carmen mi ha chiesto: “perchè gli uomini corrono mediamente sempre più veloce delle donne? E’ per via dei muscoli o cos’altro..?”.

Penso che questa domanda se la siano posti in tanti e quindi oggi voglio fornire una risposta! Parlando in termini assoluti, ovvero analizzando le prestazioni migliori a livello mondiale, non esiste sport dove le donne battano gli uomini. Se invece prendiamo in considerazione uomini e donne “normali” può tranquillamente accadere di incontrare donne che esprimono prestazioni migliori di un uomo. A me per esempio capita a tutte le gare di triathlon alle quale partecipo, dove le prime 3-4 donne in classifica mi arrivano puntualmente davanti!!!!! 🙂 .

Vediamo ora però quali sono le caratteristiche peculiari che permettono all’uomo di essere più prestazionale rispetto ad una donna.

La differenza tra i due sessi sembra che sia dovuta soprattutto a fattori inerenti alle dimensioni corporee. In media una donna è più bassa e più leggera, con una maggiore percentuale di tessuto adiposo ed una minore massa mucolare rispetto all’uomo. Bisogna infatti sottolineare che in età prepubere (prima che la produzione di ormoni “femminilizzanti” e “mascolinizzanti” caratterizzino nettamente i due sessi) le differenze di prestazione e di dimensioni corporee sono molto simili a quelle maschili….

A proposito di ormoni, il testosterone (ormone prodotto principalmente dai testicoli) è quello che permette all’uomo di raggiungere sviluppi muscolari proibitivi per una donna.

Esistono differenti gap prestazionali tra uomo e donna a seconda dello sport preso in considerazione. Il nuoto, per esempio, è la disciplina sportiva dove le differenze tra i due sessi sono minori, a causa della maggior percentuale di massa grassa presente nelle donne a parità di peso corporeo. Il grasso migliora le qualità di galleggiabilità e quindi l’idrodinamica del corpo in avanzamento nell’acqua che però non può compensare sufficientemente la carenza di massa muscolare rispetto all’uomo.

Per quanto concerne la corsa, e nella fattispecie la corsa di durata, si pensa che il gap tra uomo e donna sia da ricercarsi soprattutto nel miglior rapporto peso/potenza dell’uomo (a parità di peso l’uomo è più magro e quindi riesce a sviluppare più velocità a parità di sforzo).

Inoltre test che hanno misurato il Vo2 max (massima potenza aerobica, uno dei principali fattori che caratterizzano la performance nelle corsa) nei due sessi hanno rivelato che è inferiore nelle donne. Questa discrepanza sembra causata da una minore quantità di emoglobina in circolo (parte del sangue che lega e trasporta l’ossigeno), un volume di sangue inferiore e un più piccolo volume cardiaco (il cuore è più piccolo nelle donne).

In estrema sintesi questi sono i motivi per i quali gli uomini corrono mediamente più veloci delle donne….. Occorre sottolineare però che una donna molto allenata è nettamente più veloce e prestazionale di un uomo non allenato. Quindi, cara Carmen, allenati con costanza e determinazione, vedrai che riuscirai a lasciarti dietro parecchi maschietti…..!!!! 🙂

Ciao a presto e buon allenamento!! 🙂

Lascia un commento sarò felice di risponderti!! 🙂

Oggi voglio dedicare l’articolo settimanale all’arte di correre o meglio al libro del mese che s’intitola, appunto, “L’arte di correre”,  scritto dal romanziere/corridore giapponese, Murakami Haruki.

TITOLO

L’arte di correre

AUTORE

Murakami Haruki

CASA EDITRICE

Einaudi

L’allenamento basato sulla corsa rappresenta il gesto motorio più semplice ed istintivo per ogni essere umano. Correre è la cosa che da bambini amiamo fare di più! Se hai dei figli piccoli ti sarai sicuramente accorto/a che adorano correre, giocare ad “acchiapparella”! Non passa giornata senza che mia figlia maggiore non mi chieda: “papà mi prendi!?!?!!??” con un sorriso che gli illumina il viso!!

Io allora esclamo: “guarda monella che, se non scappi,  ti prendo!!!!!!” In un centesimo di secondo gli si illuminano gli occhi e vola via come “beep beep” quando scappa da Willy il Coyote!!! 😀 😀 😀

Fosse per lei correrebbe per ore….!!!! Io dopo 5 minuti sudo come un muflone e, appena mi viene a tiro, l’abbraccio in una stretta forte a conclusione del gioco!! 🙂

Insomma correre è scritto nel nostro DNA!!! Non esiste essere umano che non abbia amato correre da bambino!!! Man mano che si cresce, però, la gioia nell’esprimere la propria fisicità spesso si indebolisce, fino a scomparire completamente sfociando nella sedentarietà! 🙁

Quanto tempo è che non fai una corsa anche semplicemente per qualche centinaio di metri??? Se la risposta è: “non me lo ricordo”, allora non ci siamo……

Correre non rappresenta solo un ottimo e semplice modo di mantenere in buona forma l’apparato cardiovascolare, controllare il peso, produrre endorfine e scaricare le tensioni emotive….., ma è anche un fantastico viaggio introspettivo durante il quale il tempo si ferma e ci si trova a pensare ad episodi e circostanze della nostra vita che avevamo perso nei meandri della memoria….

Di questo parla l’abile scritto di MURAKAMI.., parla della corsa come un’arte, raccontando la propria esperienza di corridore su lunghe distanze (ha corso numerose maratone, 100 km e ha partecipato anche a gare di triathlon) creando spesso collegamenti e parallelismi con la sua vita da scrittore.

L’autore parla anche della passione e dei processi che ci portano ad esprimerle,  a portare a compimento un obiettivo, qualsiasi esso sia, come concludere una maratona o “vincere” una sfida professionale.

Inoltre, racconta la vita di un uomo comune che ha trovato nella corsa una preziosa alleata per migliorare nettamente la qualità della sua vita! Ha scritto passaggi veramente degni di lode e offre spunti di ragionamento interessanti.

Penso che sia un ottimo libro sia per i podisti “incalliti” che per coloro che non hanno ancora ricominciato (da quando erano bambini… 🙂 ) a correre o che fanno fatica ad essere costanti!

A proposito di costanza Murakami scrive una frase semplice ed al tempo stesso essenziale che ritengo sia idonea per coloro che “si perdono per strada” e smettono di correre perchè pensano di non avere tempo.

La frase è la seguente:

“Correre ogni giorno per me è una fonte di vita, quindi non è concepibile che faccia pause o smetta col pretesto che sono oberato di lavoro. Se dovessi riunciare perchè ho troppe cose da fare, di sicuro finirei per non correre più per tutta la vita. Di motivi per continuare ne ho pochissimi, ma di ragioni per non smettere ne ho tante da riempire un camion a rimorchio. Non resta che coltivare con cura quei “pochissimi motivi”. Trovare il tempo per continuare a farlo sempre e ovunque”.

Non mi rimane che augurarti buona lettura e buon allenamento!!!! 🙂

Se vuoi, lascia un commento, sarò felice di risponderti!!! 🙂

Caggiati Marco Corsa

Oggi, dato che Natale è passato da pochi giorni, voglio fare un regalo ai numerosi podisti che leggono il mio blog! Devi sapere che buona parte dei podisti amatoriali e a volte anche di alto livello pensano che per migliorare le proprie prestazioni nella corsa, sia sufficiente allenarsi correndo qualche km o fare qualche “ripetuta” in più rispetto al solito.

In realtà, per migliorare i propri tempi nella corsa di endurance (5-10 km, mezza maratona, maratona ecc.), occorre porre grande attenzione ad aspetti che non sono, almeno in apparenza, intimamente collegati con la corsa “in senso stretto”.

Oggi voglio quindi farti conoscere quali sono gli aspetti da tenere in considerazione per migliorare l’efficienza del gesto atletico della corsa e quindi “in soldoni” come togliere secondi al Km sulla tua migliore prestazione.

Eccoti sinteticamente quali sono gli aspetti che devi curare per migliorare la tua performance atletica:

1)    Mobilità articolare

2)    Capacità respiratoria

3)    Forza muscolare

4)    Tecnica di corsa e reattività muscolare

MOBILITA’ ARTICOLARE

Avere articolazioni mobili e muscoli flessibili ti permette di avere un gesto nella corsa più reattivo e fluido, oltre ad evitare di sovraccaricare tendini ed inserzioni soprattutto nei periodi di carico elevato, sia in termini di quantità che di qualità.

Più si alza il livello di specializzazione e più è importante lavorare su questi aspetti in quanto  l’aumento della falcata è direttamente proporzionale all’aumento della velocità di corsa.

Quindi è fondamentale inserire nella programmazione annuale, mensile e settimanale momenti dedicati ad esercitazioni per la mobilità articolare, come slanci e circonduzioni delle anche e del busto, e di stretching soprattutto per la muscolatura ischiocrurale (regione posteriore della coscia), paravertebrale (muscoli che fasciano la colonna vertebrale), dei flessori dell’anca (ileo-psoas e retti femorali) e del busto e degli arti inferiori in genere.

CAPACITA’ RESPIRATORIA

Mi capita di frequente di prendere sotto la mia guida atleti che hanno un cattivo controllo del proprio respiro e la maggior parte di essi ha anche il diaframma (principale muscolo respiratorio) bloccato a causa del radicarsi delle tensioni emotive (il diaframma è uno dei principali organi bersaglio).

Tutto ciò si traduce in una limitata espansione toracica ed un ridotto controllo del respiro, indispensabile soprattutto durante la corsa ad alte intensità dove l’organismo richiede  il massimo consumo d’ossigeno.

Quindi bisogna dedicare almeno 20 minuti, 3 volte alla settimana, ad esercizi di ginnastica respiratoria, soprattutto nel periodo lontano dalle principali competizioni agonistica.

FORZA MUSCOLARE

In molti pensano che potenziare i muscoli significhi aumentarne il loro volume e quindi “portarsi dietro” più peso a scapito della performance. In realtà la modica ipertrofia che si ottiene con le esercitazioni di potenziamento permette di ottenere un marcato miglioramento in termini di spinta propulsiva (soprattutto nelle accelerazioni alla fine delle gare e nei percorsi “sali-scendi”) per quanto riguarda gli arti inferiori e migliora l’assetto di corsa, prevenendo fastidiosi “contrattempi” come la lombalgia, grazie agli allenamenti a carico dei muscoli del busto (addominali retti, obliqui, traversi e muscoli paravertebrali profondi e non).

Occorre effettuare allenamenti che prevedano esercitazioni degli arti inferiori con esercizi multiarticolari in “catena cinetica chiusa” (Es.: Mezzo Squat, affondi nelle diverse varianti ecc..) che prevedano all’80% serie e ripetizioni per sviluppare la forza resistente (20 ripetizioni o più) e un rimanente 20% per la forza veloce/esplosiva. Avendo sempre l’accortezza di trasformare il prima possibile la forza(l’ideale sarebbe subito alla fine delle serie) con esercitazioni tecniche come Skip, balzi, corsa calciata dietro ed altre andature.

L’allenamento degli arti superiori e della muscolatura del busto deve idealmente concentrarsi unicamente sullo sviluppo della forza resistente. In alcuni casi, a seconda dei soggetti, è bene lavorare anche sulla postura.

TECNICA DI CORSA E REATTIVITA’ MUSCOLARE

Gli esercizi di tecnica di corsa possono essere eseguiti o durante il recupero tra una serie e l’altra di potenziamento o in appositi momenti prima di un allenamento di corsa (dopo previo ed idoneo riscaldamento). Le andature preatletiche sono utili per migliorare l’utilizzo e la reattività dei piedi oltre a rendere la corsa più efficiente ed economica possibile.

Questo è quanto occorre sapere sulle “cose da farsi oltre a correre” per migliorare la propria performance. Logicamente quello che ho appena scritto rappresenta un “sunto” di ciò che bisogna fare, che va valutato di “caso in caso”.

Se vuoi approfondire l’argomento, lasciami un commento qui sotto, sarò felice di risponderti!!!

Ciao a presto e buona Epifania!!!

CARMEN ZWICK RESIA

Oggi ti voglio parlare di una nota conoscenza del Blog, la mia cliente ed amica Carmen Zwick.  Sicuramente ti ricorderai che pochi mesi fa ha corso la sua prima maratona a Parigi.

Dato che “l’appetito vien mangiando”, qualche giorno dopo la fine della maratona, Carmen mi chiama e mi dice:

“Marco ho trovato un’altra sfida!!! Voglio correre la 15  km del lago di Resia e, questa volta, voglio correre al massimo della velocità!”

Io gli risposi subito: “CERTO!” Anche perchè chiunque pronunci la parola SFIDA  ha sempre il mio appoggio!! 😀

Oggi quindi voglio lasciare spazio a Carmen ed alla sua nuova vittoria fitness!

Ecco la sua testimonianza in prima persona:

“Sabato scorso ho corso la mia seconda gara podistica. Una 15km al bellissimo lago di Resia (BZ).
Alla partenza mi sono messa nel gruppo 1.20 – 1.30 visto che il mio obiettivo era di stare sotto l’ora e mezza. Ero affianco ad un amico quando questo mi convince di metterci nel gruppo prima (quello da 1.10 – 1.20) per non dover aspettare altri 15 minuti.

Visto che non vedevo l’ora di partire e visto che generalmente sono una persona un po’ poco paziente, ci siamo spostati nel blocco prima. Errore gravissimo. Perché ovviamente partendo con quelli più veloci mi sono adattata al loro tempo e sono partita troppo veloce per le mie capacità. Già dopo 4 km ho dovuto rallentare altrimenti non sarei arrivata alla fine. Questo sicuramente mi è costato un po’ di risorse.

Quindi regola numero uno: non farti mai convincere da qualcuno di cambiare blocco – corri in base alla tua preparazione. Regola numero due: se gli organizzatori hanno previsto dei blocchi di tempo ci sarà un perché 🙂 quindi mettiti nel tuo blocco e aspetta o allenati di più 🙂 Al km 4,5 c’era il primo rifornimento di acqua.

Essendo la gara vicino a casa mia ovviamente conoscevo buona parte dei volontari. Inevitabilmente scambi due battute e  perdi secondi preziosi. In generale perdi tempo a fermarti a bere perché almeno io, per ora, non sono ancora in grado di bere da un bicchiere mentre corro. Regola numero tre: se ci tieni a fare una gara in un tempo preciso, evita di perderti in chiacchiere e portati una bottiglia a presso, così puoi bere mentre corri.

Arrivata al km 5 ho controllato il tempo: 28 minuti. Ero soddisfatta perché avevo guadagnato rispetto all’allenamento due minuti. Mi aspettava la seconda parte della gara che era quella  più impegnativa, con alcune salite non da poco (in un punto c’è un dislivello di 90 m). Per fortuna il tratto era tutto ombreggiato e così non era troppo caldo.

Nel frattempo i miei muscoli si erano riscaldati adeguatamente e mi sentivo proprio in forma. Infatti sono riuscita a guadagnare minuti preziosi ed entrare nel vivo della gara. Infatti arrivati al km 10 ero sotto l’ora (58 minuti e qualche secondo). Ero contentissima perché sapevo che da lì in poi la gara era in parte in discesa e per l’ultimo pezzo in piana. Mi sono fatta due calcoli ed ero certa di riuscire a stare sotto l’ora e mezza.

Regola numero quattro: non fare mai i conti senza l’oste e soprattutto non fare alcun tipo di calcolo. Corri e basta 🙂  Al km 12 all’improvviso mi sono venute delle fitte al petto nella parte destra. Dopo essermi ricordata che il cuore si trova a sinistra mi sono tranquillizzata e sapevo che si trattava solamente di fitte intercostali.

Dunque ho rallentato un po’ e ho continuato la gara. Molto probabilmente, presa dall’entusiasmo, avevo preso la discesa troppo velocemente. Le preziose risorse perse in partenza si sono fatte sentire. Quando sono arrivata al km 14 sapevo che oramai mancavano solo 1km e 300 m. Avevo corso per un ora e 22 minuti ed ero ancora fiduciosa di farcela entro l’ora e mezza.

Mi sembrava di dare tutto ma ho scoperto dopo che non era così. Quando sono arrivata sulla linea del traguardo ho sentito il tifo di mio marito e del mio bimbo e immediatamente ho aumentato la velocità e ho fatto uno sprint fino al traguardo. Quindi avrei potuto correre l’ultimo km più velocemente. Regola numero cinque: quando credi di dare il massimo prova a dare un po’ di più che sicuramente ci riuscirai.

Conclusione:

non sono riuscita a stare sotto l’ora e mezza (ho concluso la gara in 1h e 32 minuti e 10 secondi), ma sono comunque soddisfatta perché rispetto all’allenamento ho guadagnato 7 minuti e la cosa più importante è che mi sono veramente divertita tanto.”

CARMEN ZWICK ARRIVO RESIA

Che dire, complimenti a Carmen! Hai fatto delle lucide considerazioni su com’è andata la gara e sugli errori commessi! La ragazza mi sta dando delle soddisfazioni!! 😀

Ora aspetto che tu mi ponga un’altra sfida!!!  😉

Attendo i commenti di tutte le mamme podiste e non!!!

Ciao a presto al prossimo post!

Oggi ti voglio raccontare l’avventura di Carmen Zwick, una mia cliente di Merano che ha corso da poco la maratona di Parigi. Io e Carmen ci siamo conosciuti ad un corso sulle strategie da utilizzare per ottenere il massimo livello di vitalità chiamato, appunto Vitality, dove io mi  sono occupato, come formatore, della parte dedicata all’attività motoria e il mio compito era quello di trasferire ai partecipanti i princìpi di base del fitness, dell’attività motoria finalizzata al benessere.

Durante il corso Carmen mi ha confidato che si stava allenando per correre una maratona e mi ha raccontato in cosa consisteva il suo “piano di battaglia”…

Subito mi sono accorto che il suo “piano” non era all’altezza della sua “voglia di fare” e soprattutto di “arrivare”…. 🙂 !!!!

In sintesi, Carmen ha deciso di farsi seguire da me e dal mio Team per prepararsi adeguatamente alla maratona di Parigi che avrebbe avuto luogo da lì a 6 mesi.

Io ho accettato volentieri la sfida!! D’altronde, chi mi consosce, sa che io ADORO le sfide…., soprattutto quando le vinco… 😀 !!!!!!!

Carmen è una “piccola” donna di 50 kg che si è rilevata nel tempo decisamente “grande”. La sua è una di quelle che definisco “belle storie”, di persone che “sulla carta” potrebbero avere tanti motivi per “non fare” ma che decidono comunque di impegnarsi in una sfida provante!

Carmen è una libera professionista, ha marito e un figlio di poco più di 2 anni (spero di ricordare bene.. 🙂 ) e le sue giornate sono ricche di impegni.

Carmen si è alzata presto alla mattina, ha corso spesso quando la colonnina di mercurio segnava parecchi gradi sotto lo “0”, si è organizzata con il cibo per seguire l’alimentazione assegnatale e ha dovuto combattere fisicamente e psicologicamente contro lo “spettro” di un infortunio poche settimane prima della partenza della sua gara, rilevatosi poi fortunatamente, solo un piccolo sovraccarico muscolare.

Carmen è stata “semplicemente” esemplare! Una cliente da prendere a monito per tutte le persone che mi chiedono: “Marco cosa devo fare per ottenere i miei obiettivi?” Alle quali risponderei: “E’ molto semplice…, fai come Carmen!!” 😀

Ho pensato a lungo a cosa scrivere su questo post dedicato a Carmen, ma credo che le “parole” migliori per spiegare le sue emozioni  siano quelle che Carmen stessa ha utilizzato per raccontare (tramite Facebook) al gruppo di amici conosciuto al corso Vitality la sua avventura parigina, oltre alla bellissima TESTIMONIANZA che mi ha lasciato.

Di seguito ti riporto il testo integrale del racconto della sua maratona che ha, tra gli altri, un grande pregio: fa venire una voglia matta di mettersi a correre!!!!!!! 🙂

Il racconto è “lungo” ma merita……..

Carmen fa capire il suo “spessore” umano già dal titolo del suo racconto……

“Che tu creda di farcela o di non farcela , avrai sempre ragione. Io dall’inizio ho creduto di farcela e avevo ragione“.

Come sapete, domenica 11 aprile 2010 è arrivato per me finalmente il grande giorno della mia prima maratona. Ero convinta che sarebbe stata per me una bella giornata ma mi ero sbagliata. È stata una giornata bellissima!!!!!!!!!!. La mattina mi sono svegliata e mi sono sentita come da piccola quando si trattava di partire per il mare.

I miei occhi si sono aperti prima ancora che la sveglia potesse suonare.

Erano complessivamente 11 mesi che mi ero preparata per questo giorno e non vedevo l’ora di mettermi addosso le mie amate scarpe da corsa. Visto che tutta la mia famiglia (genitori, mio marito Marco, mio figlio Mattia, mio fratello con la fidanzata e mia sorella ) è venuta con me a farmi da supporto, potete immaginare l’agitazione che si sentiva in casa. Infatti non vedevo l’ora di mettermi in Metropolitana a stare un po’ da sola con mio marito e i miei pensieri.

Giusto Mattia non mi ha messo dell’ulteriore agitazione addosso perché dormiva come un ghiro. Beh proprio sola non ero visto che la Metrò era già piena zeppa di persone che partecipavano come me alla maratona. Ma d’altronde le 40.000 persone iscritte dovevano pure esserci da qualche parte.

Sono arrivata al punto di partenza (Arc de Trionfe) alle 8.15. Mancava ancora un’ora dalla partenza ma volevo essere sicura di non arrivare tardi.:) 🙂 Il tempo era bello, si vedevano già i primi raggi di sole ma era ancora molto freddo. Mi sembra che ci fossero 6 gradi. Per fortuna Marco Caggiati mi aveva consigliato bene a portarmi una maglia in più che avrei poi potuto togliere dopo la partenza, visto che l’attesa in fila sarebbe stata lunga. In più l’organizzazione ha regalato ad ogni partecipante una specie di sacco di plastica da mettersi addosso.

L’avevo anche già visto su internet e l’avevo trovato abbastanza ridicolo, ma vi posso assicurare che quella mattina me lo sono messo addosso molto volentieri. L’aria che si respirava era già molto positiva e la gente era molto allegra. Ovviamente bisogna anche dire che mi trovavo nell’ultimo gruppo e non in quello dei professionisti, e c’era gente di tutti i tipi, e quando dico di tutti tipi mi potete credere. C’era quello che spingeva una bicicletta ed era vestito da super Mario, quello che si era vestito da ballerina spagnola, due francesi che portavano un carretto con una botte di vino e addirittura quello che camminava sui trampoli (e sono arrivati tutti al traguardo).

C’erano però anche delle persone bellissime, un gruppo di volontariato che spingeva delle persone portatori di handicap per tutti 42 km e si davano il turno. L’ho trovato un gesto veramente bello. Mentre aspettavo dunque in fila per potere finalmente partire (dopo aver controllato 50 volte se il chip era fissato bene) mi sono resa conto che stavo già superando due prove durissime. Una era quella di stare in mezzo a tanta gente (cosa che non mi piace tanto, infatti di solito evito anche di andare sabato mattina al mercato a Merano perché ci sono troppe persone e poi mi ero allenata per 11 mesi da sola su percorsi dove incontravo a volte al massimo un paio di vecchietti con i loro cani 🙂 ) e l’altra quella di portare pazienza e di aspettare .

Anche aspettare di solito mi innervosisce parecchio. Superato quindi le prime difficoltà finalmente la folla iniziava a muoversi, ovviamente si camminava a passo d’uomo. Ad un certo punto, (non avevo passato ancora la linea ufficiale di partenza) hanno messo su un po’ di musica e indovinate quale pezzo hanno messo ? I GOTTA FEELING. Non ci potevo credere. E a quel punto sapevo che i miei amici da casa, e soprattutto quelli del Vitality avevano iniziato il tifo per me.

La partenza della gara è sugli “Champs Elysees”. E’ stato bellissimo vedere un viale così bello senza macchine e al lato un sacco di gente che faceva il tifo. E il pubblico è stato veramente fantastico dal primo all’ultimo chilometro. Ti incoraggiavano, chiamavano il tuo nome (scritto sulla maglietta) e i bambini si mettevano in fila per farsi dare “il 5”. Ad ogni chilometro poi c’era un gruppo o una banda che suonava o degli uomini vestiti da donna che ballavano.

Con questa atmosfera sono partita veramente leggera e soprattutto carica e mi sembrava che le gambe corressero da sole. Mentre in allenamento le più grandi difficoltà le avevo proprio all’inizio, durante la gara non avevo questo problema. Ho potuto proprio godermi anche il panorama e fare un po’ di sightseeing, passando da Place de la Concorde, Musèe du Louvre, Hotel de Ville, Place de la Bastille. Questo modo di visitare una città ve lo consiglio vivamente. Perché quando mai avete l’occasione di poter correre in una città bella senza traffico e tutto lo spazio per Voi (e gli altri 39.999 concorrenti)?

I primi 20 km sono passati al volo e il mio “Fan club” al km 20 aveva già fatto il primo blocco. Mattia era un po’ stordito dal vedere tutta la gente ma quando mi sono girata per dargli un bacio mi ha fatto un sorriso che solo un figlio ti può fare. Caricata di emozioni ho continuato e ho passato la linea del km 21. Metà percorso era fatto e oramai era tutto in discesa (me lo sono detta per motivarmi un po’ ovviamente dentro di me sapevo che non era proprio così). Dopo il km 26 c’era l’unico pezzo che non mi era piaciuto per niente perché si doveva correre in un sottopassaggio.

Era illuminato poco, umido e mi sentivo un po’ “topo di fogna”….; a quel punto già diverse persone avevano iniziato a rallentare o a camminare. Poco prima del km 30, all’altezza della torre eiffel, doveva trovarsi il mio fan club per caricarmi un po’ , ma non c’era nessuno . Ero un po’ delusa ma ho continuato il mio percorso (ho scoperto dopo che ero più veloce del previsto e quindi sono arrivati dopo di me alla postazione 🙂 .

I successivi 4 km li ho fatti ancora senza grosse difficoltà sia fisiche che mentali. In allenamento ero arrivata fino a 30 km e quindi il mio cervello era già registrato fino a tale chilometraggio, e quindi sapevo che fino a quel punto non ci sarebbero stati grandi difficoltà. Piano piano le gambe iniziavano a farsi sentire e soprattutto il ginocchio sinistro iniziava a “tirare”. Non ero in grado di valutare se era un crampo, un sovraccarico o l’inizio di uno strappo (??), ed è incredibile come in presenza di dolore, il cervello cambi automaticamente registro e si metta in stato di allerta.

All’improvviso sentivo il bisogno di farmi accompagnare da un po’ di musica e così ho acceso il mio i phone pieno di musica “carica”. Già alle prime note mi sono sentita molto meglio ma stavo comunque molto attenta a vedere come si evolveva il dolore (perché sapevo comunque che da li alla fine il dolore sarebbe solo aumentato). Verso il km 35 è iniziata per me la parte sicuramente più dura della gara.

Quella dove il dolore oramai è presente fisso e dove inizi a fare i calcoli di quanto tempo ancora ti occorre. Sapevo che a questo punto avrei dovuto motivarmi da sola e lavorare anche con l’immaginazione e ho cercato di pensare a un momento bello della mia vita. L’immagine che oramai da due anni da questa parte mi viene in mente quando sono in difficoltà è il momento della nascita di mio figlio, ovvero quando per la prima volta gli ho dato un bacio sulla fronte e gli ho dato il benvenuto su questo mondo.

Immediatamente anche il mio umore è cambiato nuovamente e ho continuato la mia gara. E in più avevo Marco Caggiati in “miniatura” dentro la mia testa che mi diceva: “fai un bel respiro e fai quello che sai fare : CORRIII!!!!!!”.

A quel punto (mi trovavo all’interno di uno dei parchi più belli che io abbia mai visito il “Bois de Boulogne”) mi ha chiamato Marco, mio marito, per caricarmi un po’ e per dirmi che mio fratello mi avrebbe aspettato al km 41 e il resto della truppa alla fine, al traguardo. Non potete immaginare come ero contenta di sapere che da lì a poco ci sarebbe stato qualcuno della mia famiglia ad incoraggiarmi, perché il tifo della gente non ha mai smesso, ma è tutt’altra cosa vedere una faccia conosciuta.

La mia velocità era diminuita visibilmente e così mi rendevo conto che durava ancora di più. Sinceramente erano oramai diversi chilometri che aspettavo che arrivasse il famoso momento in cui ti chiedi: “ma chi me l’ha fatto fare” e con molto stupore vi posso dire che questo momento per me non è mai arrivato e neanche il pensiero di non farcela. Dal primo km mi sentivo che ce l’avrei fatta e gli ultimi chilometri speravo solo passassero un po’ più in fretta.

Durante gli ultimi chilometri il mio sguardo era fisso sulle insegne dei chilometri e, passato il km 36, cercavo già quello successivo ed era quello l’obiettivo intermedio che avrei dovuto raggiungere. E così avanti fino alla fine. Al km 41 ho trovato poi mio fratello e la sua ragazza che mi hanno fatto un sacco di tifo e mio fratello ha corso con me quasi fino al km 42 incoraggiandomi e rassicurandomi che Mattia era già pronto al traguardo per abbracciarmi.

Quandosui cartelli che ti indicano il passare dei chilometri d trovi il numero 4… davanti sai che ce l’hai fatta e addirittura riesci ad aumentare leggermente la velocità. Al km 42, quando ormai vedevo già il traguardo, mi ha chiamato di nuovo mio marito per passarmi mio figlio che mi ha detto: mamma go go, hopp hopp (l’aveva provato tante volte a casa nei mesi scorsi ).

E’ stato sicuramente il momento più emozionante di tutta la gara!!! A quel punto nulla poteva fermarmi perché volevo solamente vedere mio marito e mio figlio. Arrivata al traguardo, dopo avere consegnato il chip e verificato il mio tempo (5 ORE e 9 MINUTI), ho potuto prendere in consegna la meritatissima maglietta di “finisher” (certo sarebbe stato più facile chiamare al “ruggito del coniglio” per farmi dare una maglietta, ma non mi avrebbe mai dato queste soddisfazioni).

Al  traguardo ho potuto abbracciare tutta la mia famiglia e sinceramente ero veramente felicissima (e non mi sentivo neanche stanca e soprattutto ho notato che non avevo quasi sudato ) (per Marco Caggiati : lo so che cosa pensi, che avrei potuto dare di più !!).  L’unica cosa che avevo freddo perché c’era un vento gelido e mi faceva male il ginocchio.

Comunque ero ancora in grado di camminare perfettamente con le mie gambe e di questo ero veramente contenta (Marco Caggiati me lo aveva promesso ma sinceramente non gli avevo creduto….). Tornando in metropolitana all’appartamento ho dovuto però approfittare del passaggio sulle spalle di mio marito perché non riuscivo a piegare il ginocchio (cavolo quante scale ci sono nella metrò di Parigi..?).

Arrivata a casa mi sono fatta un bel piatto di spaghetti e una bella dormita. La sera quando mi sono alzata il dolore era quasi sparito e riuscivo a camminare alla grande. Siamo andati a festeggiare tutti al ristorante e mi sono sentita leggera come non mi sentivo da tanto tempo. Tornata a casa il recupero è stato veramente velocissimo e già dopo due giorni non sentivo più assolutamente alcun tipo di dolore.

E qui il merito sicuramente va a Marco Caggiati che mi aveva preparato un programma perfetto. Dunque che dire in conclusione: per me questa esperienza è stata indimenticabile e ho creato dentro di me un’ancora grossissima.

Sia l’allenamento che la gara mi hanno insegnato che con tanto impegno, determinazione, costanza e soprattutto mettendo un piede dopo l’altro (in questo caso nel vero senso del termine.. 🙂 ) puoi veramente raggiungere tutti gli obiettivi che ti prefiggi.

Io il mio obiettivo (volevo finirla in 5 ore) l’ho raggiunto e ho vinto la mia sfida e sono sicura che ogni volta che in futuro mi verranno dei dubbi se, lavorando per un obiettivo, ce la farò o meno, mi basterà chiudere gli occhi e pensare a questa giornata fantastica tras(corsa) a Parigi.

La vostra maratoneta

In conlusione che dire…? Lavorare con Carmen è stato un piacere, ha seguito fedelmente tutte le mie indicazioni cercando, al tempo stesso, di capire cosa stava facendo e per quale motivo. Quando i clienti mi chiedono “il perchè delle cose” capisco che sono attenti e determinati a raggiungere il loro obiettivo.. che puntualmente raggiungeranno……

Brava Carmen, che tu sia da esempio per tante mamme che vorrebbero……., ma trovano tanti “se e ma” (LEGGI SCUSE) che le immobilizzano!!!

P.s.: Carmen mi ha, giusto ieri, comunicato che vuole correre una gara di 15 km nei pressi del lago di Resia cercando “il tempo”. Cara Carmen….., è arrivata l’ora di corrrere veloce, di spingere bene con i piedi…, di far fumare le scarpette da corsa! Sarà ancora un piacere seguirti!

Ciao un abbraccio!

Buona corsa a tutti! 😀

Subscribe to Allenamento Fitness


Video & Audio Comments are proudly powered by Riffly