Allenamento Fitness

Tutto ciò che riguarda il Fitness lo sport l'allenamento e l'alimentazione

CORSO CREATTIVITA SEMPRE FITNESS MARCO CAGGIATI

Ti sei mai chiesto quanto sia importante la libertà?…. Ti sei mai chiesto che valore abbia l’indipendenza.., la possibilità di “fare da solo” …. ? Per me sono sempre stati valori fondamentali nella vita, e la mia salute e la cura del mio corpo non possono e non devono uscire da questa “logica”.

Credo che non si possa vivere una vita al massimo delle proprie possibilità se non si ha una buona consapevolezza del proprio corpo e di ciò che si mangia…

Penso che la salute e il benessere non possano essere demandate ad altre persone…., o meglio credo che sia intelligente farlo, ma SOLO con la consapevolezza di ciò che mi viene proposto.

E proprio per migliorare la consapevolezza corporea ed alimentare che ho ideato un corso dal vivo sull’indipendenza motoria ed alimentare. Si chiama “CreAttività Sempre Fitness!” e si è svolta la seconda edizione la settimana scorsa. CreAttività è un corso di 4 giorni Full Immersion dove si alternano circa 3-4 ore quotidiane di allenamento a concetti teorici indispensabili da conoscere per comprendere ciò che “sta dietro” alla creazione di un allenamento o di un piano alimentare personalizzato.

CreAttività è il primo e unico corso sull’indipendenza motoria, creato appositamente per trasformare “l’uomo della strada” in un “Master Chef in allenamento”……….. :-D…, proprio così…, un Master Trainer per fare a meno per sempre di allenatori, personal trainers, palestre, dietologi ecc… Per diventare l’allenatore ed il dietista di te stesso… 😉

Ingegnerizzare un corso di questo tipo non è stato assolutamente facile ed ha rappresentato una sfida professionale interessante… :-D, ma sto avendo di ritorno tantissima soddisfazione….

Difficile spiegare “da fuori” un corso come “CreAttività Sempre Fitness!” è per questo motivo che qui di seguito potrai leggere le testimonianze di alcuni dei partecipanti dell’ultima edizione appena svolta 😉 .

Acerbis Davide

Davide Acerbis

CreAttività mi ha permesso di associare diversi aspetti/attività in un unico contesto: la mia salute. Per mantenermi bene devo conoscere come sono fatto, devo ascoltarmi, devo essere costante. Ho imparato che se non ci penso io, gli altri non possono farlo al mio posto. La cura fisica non è “secondaria” a nient’altro. Il mio corpo è ciò che mi accompagnerà sempre. Oltretutto non è stato un corso di lezioni. Mi sono allenato, ho sentito la fatica, il dolore e la curiosità di sperimentare (nuovi allenamenti, nuovi esercizi, nuove modalità di allenamento). Ho colto la passione nelle parole e nei gesti del nostro “guru”.  …. E pensare che ritenevo di essere già “tecnicamente evoluto”….. Oggi comincia Davide 2.0…. e il bello deve ancora venire.

 

francesca sorbi

Francesca Sorbi

CreAttività mi ha trasmesso conoscenza, consapevolezza ed esperienza rispetto al mio corpo, cioè, dalla complicata anatomia alla sua espressione nel movimento. Il semplice gesto del respirare è diventato esercizio e “meditazione”. Da qui la presa di coscienza che il corpo è cibo e movimento e che quindi devo curare questi due aspetti in simbiosi. Aspetti semplici e complessi che Marco ha riassunto per noi nel metodo che ci ha spiegato e che non vedo l’ora di provare sulla mia pelle.

 

rossana manfredini

Rossana Manfredini

Avendo perso da un po’ di tempo la forma fisica e cercando qualche idea nel web, mi sono imbattuta sul sito di Marco che mi ha subito incuriosita. Credendo nelle sue proposte, fidandomi del mio intuito, ho partecipato al corso “CreAttività Sempre Fitness” a scatola chiusa, senza conoscerlo e devo dire che le aspettative sono state ampiamente ripagate. Marco innanzitutto è un professionista serio e preparato, ma è anche una persona semplice e simpatica. Abbiamo passato 4 giorni insieme veramente intensi ma divertenti, affrontando argomenti che vanno dalla salute, all’alimentazione, oltre naturalmente al benessere psico-fisica e a come poterlo mettere in pratica concretamente nella propria vita. Il lavoro che lui fa anche all’interno del gruppo è sempre personalizzato, per cui mi sento di consigliarlo vivamente a tutti, dal neofita che vuole rimettersi in forma, alla persona più esperta che vuole mettere a fuoco alcuni aspetti del suo allenamento.

Personalmente ho ricevuto,grazie al gruppo,un forte stimolo a ricominciare a prendermi cura di me stessa, da subito, cosa che non riuscivo più a fare. Inoltre, il corso mi ha dato tantissimi strumenti e conoscenze da portare a  casa. Sono riuscita a fare, con l’aiuto di Marco, un programma concreto e fattibile in visione del mio obiettivo di dimagrimento,senza sconvolgere la mia vita, senza palestre, né attrezzi particolari. Sinceramente non avrei creduto tanto. Grazie veramente.

 

antonio pellegrini

Antonio Pellegrini

Il corso CreAttività Sempre Fitness ideato da Marco è un corso che a mio parere tutti dovrebbero fare, ma tutti quelli che regolarmente vogliono bene a se stessi, quelli che effettivamente rispettano il proprio corpo, quelli che capiscono che non hanno bisogno di comprare una Ferrari se vogliono guidare una macchina ancora più complessa, completa, unica e geniale. Con Marco si riesce a capire nel dettaglio non solo cosa bisogna fare per mantenere efficiente e funzionale il proprio corpo, la propria macchina, ma dove e come si genera la forza, l’energia, l’adrenalina che serve poi per tutte le altre attività della vita di ognuno di noi. Quello che ho imparato principalmente durante il corso è stato prendere consapevolezza del mio corpo e di tutti gli organi funzionali che lo compongono e rispettarli manutenendoli come giusto sia per natura e quindi allenandoli e fortificandoli quotidianamente. Ora tocca solo a me essere costante, determinato e consapevole. Grazie Marco

 

viviano ginexi

Viviano Ginexi

“CreAttività Sempre Fitness” è un ottimo motivo/stimolo per prendere coscienza e consapevolezza del proprio corpo. Sono stati 4 giorni immersi in una splendida “location” con il giusto mix tra teoria e esercizi pratici. Abbiamo toccato argomenti come : teoria dell’allenamento, i metabolismi energetici, come allenarsi, l’apparato cardiocircolatorio, manutenzione e tonificazione, lo stretching “ questo sconosciuto per molti”, e ovviamente l’importanza della “corretta alimentazione” in regime bilanciato. Ho trovato davvero “appagante” le esercitazioni all’aria aperta, che mi hanno fatto capire come gestire e ascoltare il mio corpo, come impostare il mio programma di tonificazione/dimagrimento, come sfruttare la respirazione mediante il diaframma. Sono stati 4 giorni di “Pulizia Motoria”: Molte delle mie ”credenze” sono state smontate e sostituite con quelle “corrette”. Troppo spesso affidiamo la cura del nostro corpo a messaggi pubblicitari errati; impariamo a prenderci cura del nostro fisico.

 

Da parte mia posso solo dire che sono molto soddisfatto del lavoro svolto con i miei allievi che hanno dimostrato impegno, voglia di imparare e determinazione nel “prendere in mano” i propri obiettivi in ambito fisico, modificando allenamenti ed alimentazione! Io mi sono divertito un sacco! 😀 😀

Non vedo l’ora di mettermi al lavoro per la prossima edizione! 😉

Per oggi è tutto, ciao al prossimo aggiornamento! 😉

Settimanalmente ricevo decine di domande riguardanti l’allenamento e l’alimentazione più o meno complesse che “tradiscono”spesso lo stato “confusionale” di chi me le porge… 😀 😀 . Gran parte di queste domande sono frutto della disinformazione o dell’informazione superficiale che ha la maggior parte degli appassionati di fitness ed allenamento..

Gran parte delle persone che ha deciso di optare per il “fai da te” omette di considerare un aspetto di FONDAMENTALE importanza!

Tengono il loro focus mentale sulla metodologia d’allenamento da utilizzare, quante serie, ripetizioni o attrezzi da utilizzare e si dimenticano di un aspetto focale che sta alla base di qualsiasi obbiettivo che si vuole raggiungere…

Si dimenticano di creare un PROGETTO, di PIANIFICARE le azioni, i passi che li porteranno verso la meta ambita…. Questa cosa mi fa sempre sorridere e sai perchè…?

Perchè se io mi mettessi a costruire una casa…, non saprei come fare se non avessi un PROGETTO da seguire con tutte le indicazioni, le misure, con tutti i DETTAGLI da seguire…. 😀

La PIANIFICAZIONE STRATEGICA da seguire per ottenere un obiettivo in ambito fisico, come dimagrire, tonificare o correre una maratona, viene spesso sottovalutata o completamente ignorata…. 😉 .

Non hai idea di quante persone siano venute a “bussare” alla mia porta chiedendo il mio aiuto professionale che avevano una buona consocenza della materia (in merito all’obiettivo che volevano raggiungere), ma con storie di ripetuti insuccessi…..

Pensa di avere di fronte a te un puzzle da 3000 pezzi e di doverlo assemblare senza avere la figura di riferimento da “copiare”…… Sarebbe un’impresa quasi impossibile vero…?

Per pianificare la strategia alimentare e gli allenamenti da fare per raggiungere i propri obiettivi è di fondamentale importanza essere padroni dei concetti di:

  1. CARICO INTERNO
  2. CARICO ESTERNO
  3. CICLI D’ALLENAMENTO
  4. DURATA
  5. INTENSITA’
  6. QUALITA’
  7. QUANTITA’
  8. DENSITA’
  9. RECUPERO

Se non conosci o non hai controllo su questi aspetti fondamentali dell’allenamento…, non potrai mai progammare i tu0i work out e difficilmente raggiungerai gli obiettivi estetici, di salute e di performance che ti sei posto….

E’ per questo motivo che ho deciso di creare qualcosa che mai nessuno ha fatto prima, qualcosa di unico che permetta agli appassionati di allenamento o di fitness, o semplicemente a tutti coloro che stanno cercando una soluzione DEFINITIVA ai propri problemi di sovrappeso, ipotonia muscolare, rigidità articolare, muscolare ecc…

Ho dato vita ad un corso dal vivo per non addetti ai lavori che si chiama CreAttività Sempre Fitness! CreAttività è un corso dal vivo di 4 giorni dove ti fornisco tutti gli strumenti necessari per gestire in modo COMPLETAMENTE AUTONOMO i tuoi allenamenti, la tua alimentazione PIANIFICANDO ogni dettaglio per riuscire a costruire “la tua casa”…..

Data la sua unicità e la sua veste innovativa.., mi risulta difficile spiegare in che cosa consiste “Creattività Sempre Fitness!” Ho chiesto quindi a chi vi ha già partecipato di raccontare cosa è significato per loro… Dai un’occhiata qui sotto 😉

Questo è solo un assaggio di CreAttività Sempre Fitness e, se vuoi saperne di più…, devi semplicemente Cliccare Qui , accedere alla pagina di presentazione al seminario e scoprire la promozione in corso. 😉

Inizia a PROGETTARE la tua vita, PIANIFICA i tuoi obiettivi in ambito fisico e dimentica la FRUSTRAZIONE che hai in questo momento, perchè non sei ancora riuscito  ad ottenere il corpo che desideri! 🙂

Spero di incontrarti personalmente al corso! 😉

Ciao a presto e buon allenamento! 😀

 

 

 

Oggi ti voglio parlare di una ragazza che mi ha contattato tramite il blog chiedendomi aiuto in merito all’allenamento corretto per facilitare il suo recupero muscolare. Dato che la risposta sarebbe ed è articolata ho pensato di condividerla con tutti i lettori del blog……., perché penso possa essere d’aiuto ad altri.

Ecco cosa mi ha scritto Giada:

Salve, mi chiamo Giada, sono una ragazza di 31 anni e ho bisogno di aiuto, o forse anche solo di una parola di conforto. Mi sono imbattuta in questo sito girando sul web alla ricerca di esercizi per la riabilitazione e sono rimasta colpita molto, molto favorevolmente da questa pagina. Purtroppo il giorno 6 marzo 2013 ho avuto un incidente in cui mi sono fratturata piatto tibiale, tibia e perone in frattura pluriframmentata. Ho subito un lungo intervento che mi ha lasciato in dono una placca lunga tutto l’osso e 100 punti. Nonostante il mio recupero sia stato ottimo, il recupero della flessione del ginocchio è a 130°, nonostante tutto a distanza di sette mesi ancora provo molto dolore, cammino male e non ho forza nelle gambe, anche se faccio molta ginnastica i risultati sono scarsi… Ho letto che per potenziare la massa muscolare e la forza sarebbero ottimi gli esercizi con i pesi, ma ho paura di non potere con questo ginocchio… mi sento molto male, mi sento debole, non ho mai fatto sport nella mia vita e adesso vedo il mio fisico in condizioni pietose….,debole, con la parte della gamba destra (quella operata) completamente diversa dall’altra, con quella cicatrice immensa… mi sento annullata, come essere umano e come donna… e non so da che parte cominciare per prendermi cura del mio corpo. Tutta la brutta rottura che ho avuto è stata dovuta anche al fatto che il mio fisico è debole e senza adeguato sostegno muscolare, e mi sento molto in colpa per questo; non riesco a smettere di sentirmi in colpa e di pensare che se mi fossi presa più cura di me stessa tutto ciò non sarebbe mai accaduto. Ora vorrei rimediare, ma non so davvero da che parte cominciare… oltretutto sono vegetariana e anche questo non aiuta. Non ho molta disponibilità economica e quindi non posso permettermi di prendere un personal trainer e anche qui nella mia zona (Prato), non saprei di chi fidarmi: ho sentito che nelle palestre non tutti sono proprio competenti. Ho tanta confusione… questo è quanto.
La ringrazio anticipatamente per tutto, e scusi per la ‘seduta psicologica’, ma non sapevo proprio dove sbattere la testa…
Grazie.”

Gli spunti di “ragionamento” sulle righe scritte da Giada sono tanti e rispondo “in prima persona” a Giada come se fosse qui davanti a me al posto del monitor del mio pc.

Cara Giada, l’allenamento che utilizza sovraccarichi oltre al peso corporeo (esercizi con i pesi) è una possibile tecnica d’allenamento che si può utilizzare per migliorare il tono muscolare ed aumentare la massa muscolare. E’ bene precisare che, pero’, non è l’unica metodologia che si può utilizzare per ottenere miglioramento di tono, forza e massa muscolare. In merito alle tue paure di “non potere” allenarti con sovraccarichi è tutto da valutare. Da quanto mi hai raccontato nello scambio di mail che abbiamo avuto le ossa fratturate si sono saldate completamente. Se la struttura ossea ed articolare sono guarite, non esiste nessuna controindicazione all’utilizzo di sovraccarichi che, ovviamente, devono essere adeguati al carico interno che vuoi ottenere.

Detto ciò, il fatto che tu fossi una sedentaria prima dell’incidente non ti aiuta certamente in questo periodo di recupero funzionale. L’abitudine alla fatica e la memoria muscolare, ti avrebbero aiutato a sopportare meglio la riabilitazione e a tornare alla condizione atletica pre incidente più velocemente. E’ normale che la forma della gamba operata non sia uguale a quella sana e capisco quanto possa essere difficile accettarlo, soprattutto per una donna. Allo stesso tempo ti consiglio di concentrarti su un recupero funzionale ottimale, l’estetica della tua gamba migliorerà di conseguenza.

Il tuo incidente con il motorino è stato causato dall’inesperienza più che dal tuo disallenamento, anche le persone molto allenate si fanno male in questo modo… Frenare sulle strisce sull’asfalto bagnato……….., e’ come farlo sul ghiaccio……., vado in moto da quando ho 13 anni e so cosa significhi…. 😉 . Quindi togliti dalla testa la credenza che esserti presa più cura di te stessa prima dell’incidente ti avrebbe evitato la caduta. Prendi il “senso di colpa”, accartoccialo bene tra le mani, fallo diventare piccolo, piccolo e buttalo nel cestino più profondo che hai in casa… 😀 .

Per quanto riguarda la tua alimentazione sono felice di dirti che esistono migliaia di atleti di alto livello che sono vegetariani, io stesso non mangio carne, salumi e pesce da tempo….. L’unico “problema” dell’alimentazione vegetariana è che è più difficile garantirsi il giusto introito proteico. Se non l’hai ancora fatto, affidati ad una dietista che ti costruisca una dieta “ad hoc”. Sicuramente ci sarà qualcuno  “in gamba” dalle tue parti…. Viceversa…, ho la mia dietista che sarebbe felice di metterti “il cervello” addosso… 😀 .

Per quanto riguarda l’aspetto economico…, è veramente tutto relativo in quanto qualche consiglio dato da un professionista pagato anche “caro” avrebbe per te un valore decisamente maggiore come controparte…

Certamente pagare “tanto” e mettersi nelle mani sbagliate è un rischio che oggettivamente puoi correre. Purtroppo in Italia non esiste una legislazione in merito che tuteli la categoria dei “professionisti del movimento”. Non esiste un albo professionale. Chiunque si può improvvisare Personal Trainer con un semplice corso di qualche fine settimana…

Allo stesso tempo non è un corso di studi più lungo (vedi Laurea in Scienze Motorie) che ti garantisce di imbatterti in un vero professionista.

In carriera ho incontrato colleghi “non laureati” molto in gamba e scrupolosi e altri “laureati” non sapere la differenza tra un manubrio ed un bilanciere….. 🙁 .

Questo ovviamente vale per tutte le professioni……… L’unica cosa che ti posso consigliare per trovare il Personal Trainer giusto per te è quello di “chiedere in giro” sulla sua reputazione, parlare con qualcuno che si fa già seguire e farti spiegare come si trova e se sta ottenendo i risultati per i quali lo ha ingaggiato. Anche questo non ti assicura niente, ma almeno……, non vai proprio “alla cieca”… Oppure potresti chiedere al fisioterapista che ha curato la tua riabilitazione se ti può consigliare qualcuno.

Infine, cara Giada, stai tranquilla, il tempo aiuterà a rimarginare le tue ferite fisiche, emotive e psicologiche, sii paziente e pensa all’allenamento come un’attività motoria importante da mantenere per tutta la vita, per vivere meglio e più a lungo. Non avere fretta, sii costante negli allenamenti e mese dopo mese vedrai il tuo ginocchio, la tua gamba, il tuo corpo migliorare e ripagarti di tutto l’impegno profuso!

Ti auguro tutta la fortuna possibile e…………, stai lontana dalle strisce………….. ;-).

Per oggi è tutto! Se vuoi lascia un commento, sarò felice di risponderti!

P.s.: a prosposito di manutenzione del corpo……….., conosci il mio corso dal vivo “CreAttività Sempre Fitness!”  ? Come no…!?!?!?!? Dai subito un’occhiata qui! 😉

 

I partecipanti al mio corso CreAttività Sempre Fitness lo sanno benissimo, imparare ad allenarsi senza confini ha un valore impagabile! Senza confini dettati da macchine fitness, tapis roulant, manubri, bilancieri, piscine o le “quattro mura della palestra”…..

Per me Agosto è un mese di graduale scarico dall’attività lavorativa “sul campo” come Personal Trainer dei miei clienti, che vanno giustamente in vacanza. Va in automatico che arrivi anche per me il momento di “staccare la spina” ed andare in ferie…., dal lavoro, ma non certo dall’allenamento!

Certo, perché la “manutenzione” del corpo non può andare in vacanza! Devi sapere che gran parte dei miglioramenti ottenuti tramite l’allenamento iniziano a subire un processo di regressione, dato dal disallenamento, già dopo circa 5/7 giorni di inattività!

Quindi è bene organizzarsi per riuscire ad allenarsi anche durante le ferie……., forse anche di più rispetto al normale! Infatti in vacanza hai più tempo da dedicare a te stesso e puoi impegnarti in allenamenti che abitualmente non riesci a fare, perché c’è sempre “qualcos’altro da fare”!

Però in vacanza vengono meno gli automatismi, i luoghi, gli allenamenti che sei solito fare, soprattutto se sei abituato a recarti in palestra in precisi orari (per esempio, la pausa pranzo), oppure per seguire corsi di gruppo (Spinning, Step, Gag, Aquagym ecc.).

Così ti senti improvvisamente “perso” ed è facile lasciarsi andare all’ozio! Se le ferie durano una settimana , non accade niente di male, perché il processo di disallenamento ha poco tempo per fare danni…, ma se le ferie (lo spero per te… 😉 ) dovessero durare di più.., allora dovresti “attrezzarti” per riuscire ad allenarti “senza confini” in “ogni dove”..!

E’ per questo motivo che insegno ai miei clienti ad allenarsi a corpo libero, o con pratici e trasportabili piccoli attrezzi!

L’allenamento a corpo libero, se ben organizzato, ti permette di ottenere qualsiasi tipo di obiettivo in ambito di dimagrimento, tonificazione, flessibilità articolare e rilassamento!!

La sensazione di libertà che sento quando mi alleno a corpo libero e all’aria aperta non hanno eguali con nessuna attività svolta in palestra!

Ci pensavo giusto ieri quando, dopo una bella camminata di 1 ora con mia figlia Asia sulle spalle, mi sono allenato a 1800 metri di quota immerso nel verde e alle mucche delle montagne della Lessinia.

 

 

Mi sono allenato per mezz’oretta con il TRX , un attrezzo leggero, pratico e versatile! Ho lavorato sulla tonificazione di braccia, schiena, pettorali e addominali respirando l’aria fresca della montagna!! 😀 Tutto ciò è senza prezzo!! 😀

 

 

Ieri non ho potuto non pensare ai partecipanti a CreAttività Sempre Fitness, il mio corso dal vivo sulla manutenzione del corpo in piena libertà da costosi attrezzi, palestre o piscine…. Ho pensato a come avrebbero potuto anche loro godersi un allenamento come il mio….,  sarebbe bastato loro seguire uno degli allenamenti che hanno imparato e provato al corso….., e mi sono sentito ancora meglio.. 😀 !

Al mio rientro dalle ferie mi aspetta un periodo denso di lavoro per la preparazione della prossima edizione di CreAttività Sempre Fitness che è prevista per Ottobre. Voglio preparare un’edizione ancora più completa, ricca di contenuti e di “vissuto motorio” rispetto all’ultima fatta in primavera! 😀

E tu………., sei in grado di organizzare il tuo allenamento da solo? Sei in grado di fare a meno della palestra? Sei in grado di fare a meno del tuo istruttore o del tuo Personal Trainer? Sei in grado di mantenere alta la motivazione?  Sei in grado di creare un allenamento “dal nulla” senza attrezzi e in ogni posto del mondo..? Sei in grado di gestire con consapevolezza la tua alimentazione…?

Se la risposta è SI’…, allora ti faccio i miei complimenti, perché la tua consapevolezza motoria è molto alta…, se invece la risposta è NO……, ti consiglio di dare un’occhiata a questa pagina! 😉

Per oggi è tutto e se vuoi approfondire l’argomento, non esitare a lasciarmi un commento, sarò felice di risponderti! 🙂

Ciao a presto, buon allenamento e buona manutenzione!

 

Il 27 di Maggio ho pubblicato un articolo in cui ti ho raccontato l’inizio dell’allenamento di Martina, una mia giovane cliente che aveva circa 7o Kg di massa grassa da perdere ed oggi voglio aggiornati sui risultati che sta ottenendo.

Prima di entrare in un mero contesto numerico voglio dire una cosa: io AMO questa ragazza!! 😀 Sai perchè..? Perchè ha una grandissima paura di fallire, di non riuscire a perdere tutto quel peso…., pensa di non esserne in grado, pensa che prima o poi “qualcosa” le impedisca di continuare il suo cammino!!! Quando condividiamo queste “paure” , da un lato mi arrabbio, dall’altro mi scappa da ridere, perchè non concepisco perchè una persona che quotidianamente si allena ed alimenta correttamente debba “impazzire” e tornare a fare gli stessi errori che l’hanno portata a soffrire d’obesità!??!!?!?!??!

Certo che per me è facile…, perchè mi alleno e mi alimento correttamente praticamente da sempre……e raggiungere gli obiettivi che mi prefiggo è naturale.., a prescindere dalla difficoltà reale o presunta…., anzi più l’obiettivo è sfidante e più sono motivato….

Per Martina non è la stessa cosa però, perchè, fino ad ora, ha avuto solo esperienze fallimentari che hanno radicato in lei la credenza che la sua vita debba essere sempre così e la sua sofferenza non possa avere fine…. Come non capirla quindi….., molto probabilmente penserei  le stesse cose anch’io…

Però Martina è brava, molto brava, è la persona in sovrappeso con l’attitudine a perseguire gli obiettivi migliore che io abbia mai seguito ed i risultati che sta ottenendo sono direttamente proporzionali…!!! 😀 Se “non credere” produce questi risultati…, allora che non creda ancora…, ma sotto sotto…, lo so, lo sento…, Martina inizia a crederci e come….!!!! 😀 😀 Lo leggo nei suoi occhi….

E’ arrivato il momento di “godere”, di darti qualche numero che decreta in maniera inopinabile il successo di Martina, nessuno glielo può togliere, nemmeno se stessa!!!! 😀

Martina ad oggi è cambiata in questo modo:

Kg: – 17,2 kg

Circonferenza addome: – 14 Cm

Circonferenza vita: – 9 Cm

Circonferenza coscia: – 9 Cm

Circonferenza fianchi: -12,8 Cm

Circonferenza braccio: – 4,1 Cm

Plica Tricipitale: – 6,7 mm

Plica Sovrailiaca: -4,3 mm

Plica Addominale: – 11,6 mm

Questi sono risultati fantastici e sono frutto della determinazione e della forza di volontà di Martina che si sta avvicinando a “velocità smodata” 🙂 al suo obiettivo!

Ora Martina è in vacanza e dovrà allenarsi da sola per 3 settimane, in un posto diverso da quello che ormai ha associato al suo cammino di dimagrimento… L’aspetta un “esame di maturità”! Le tentazioni saranno tante, l’ozio, gli aperitivi con gli amici, le notti passate a divertirsi, le cene…, saranno grandi “banchi di prova”… Sono certo che Martina passerà con punteggio pieno la sua prova! Martina dovrà allenarsi 6 giorni su 7 impegnandosi in allenamenti di più di 1 ora con il caldo e l’umidità che stanno ancora togliendo il fiato, dovrà continuare a mangiare 5 volte al giorno rispettando tempi, quantità e qualità del cibo!

Penso che a Martina farebbe piacere ricevere anche il tuo supporto………, lasciagli un commento…, sono certo che le farà piacere!! 🙂

Per oggi è tutto! Ciao a presto al prossimo post!

P.s.: sono rimasti solo pochi posti per la prossima data del mio corso dal vivo CreAttività Sempre Fitness, non perdere questa occasione! 😉

 

Il diario d’allenamento

Scritto da Marco Caggiati in Allenamento, Cose da sapere

 

Il diario d’allenamento è un “compagno di viaggio” che tutti coloro che hanno delle ambizioni in ambito d’allenamento e sport dovrebbero avere…; purtroppo in pochi hanno l’abitudine di segnare ciò che hanno fatto durante i loro workout….

Ma cos’è precisamente un diario d’allenamento…? E’ molto semplice: devi prendere un’agenda (cartacea o digitale, dipende dai “gusti”) e segnarti ogni dettaglio dell’allenamento che hai fatto il giorno stesso. Vediamo alcuni esempi delle informazioni utili che potresti inserire:

1 . Durata dell’allenamento

2. Km percorsi

3. Dislivello altimetrico affrontato

4. Kg sollevati

5. Serie e ripetizioni effettuate

6. Frequenza Cardiaca Massima e Media

7. Calorie consumate

8. Sensazioni provate durante l’allenamento (se eri “in forma” oppure hai fatto più fatica del solito, energico, spossato ecc..)

9. Temperatura esterna e livello d’umidità

10. Fatica fatta in una scala da 1 a 10

11. Frequenza cardiaca a riposo al mattino

12. Pressione arteriosa

Questi sono quelli che utilizzo io abitualmente…, o meglio…, sono quelli che utilizzavo quando mi allenavo seriamente…. 😀 . Ognuno può e deve personalizzare i dati da inserire nel diario al fine di avere un preciso “termometro” di come sta evolvendo l’allenamento.

La compilazione di un diario d’allenamento unitamente ad un diario alimentare ti permette di capire quanta coerenza c’è con il programma  che stai seguendo e, soprattutto, ti permette di capire, prima che sia “troppo tardi”, se si sta instaurando una temibile sindrome da sovrallenamento.

Inoltre, guardando a ritroso nel diario, puoi capire meglio ciò che non ha funzionato nella strategia alimentare e/o motoria ed individuare con facilità ciò che va cambiato nell’allenamento e nell’alimentazione per permetterti di raggiungere i tuoi obiettivi!

Senza diario d’allenamento diventa impossibile ricordarsi “a memoria” tutte le informazioni necessarie per avere un quadro completo della situazione.

Per quanto riguarda gli sport di endurance (corsa, ciclismo, nuoto ecc..) oggigiorno vengono in aiuto degli “strumenti” tecnologici che memorizzano alcuni paramentri principali come, per esempio, i km percorsi, le Frequenze Cardiache, le calorie consumate, la temperatura esterna, l’altimetria ecc…

I “numeri” sono importanti e gli strumenti ci aiutano a memorizzarli, ma lo sono ancora di più le sensazioni provate durante l’allenamento. Capita infatti che, a parità di “numeri”, le sensazioni durante un allenamento o una gara siano completamente differenti e che anche il risultato finale lo sia….. Diventa quindi interessante capire cosa ti ha messo in “stato di grazia” e cosa invece ti ha fatto ottenere una pessima performance….

Il diario d’allenamento è un supporto fondamentale che chiedo di tenere ad ogni mio cliente che seguo “a distanza” (le persone che abitano lontano dal mio Studio, che seguo solo una volta al mese o addirittura unicamente via web) al fine di avere il polso della situazione e capire se la strategia pensata sta portando i benefici sperati.

Infine, se ti sei posto degli obiettivi in ambito estetico, è molto utile associare al diario qualche foto fatta a distanza di 1 mese per vedere anche visivamente come il tuo corpo sta cambiando (a volte se ne accorgono di più gli altri che te stesso…. 😉 ).

Se ti sei posto obiettivi per te importanti in ambito d’allenamento…, non puoi fare a meno di un diario!! Lo so…, è una grossa rottura di scatole……., ma molto, molto ultile!! 😀

Per oggi è tutto! Se vuoi approfondire l’argomento non esitare a lasciarmi un commento, sarò felice di risponderti!!! 😀

P.s.: di questi argomenti e tanto altro ancora tratto nel mio nuovo ed innovativo corso dal vivo CreAttività Sempre Fitness!!! 😀

 

Oggi voglio parlarti di un buon modo di allenare e tonificare i muscoli tricipiti e, allo stesso tempo, rovinarsi l’articolazione della spalla….. Giornalmente vedo, “con la coda dell’occhio” mentre alleno i miei clienti, persone che si impegnano nell’eseguire un esercizio per tonificare i muscoli delle braccia (precisamente per i muscoli tricipiti) che è potenzialmente molto pericoloso. L’esercizio si chiama “Dip” e ritengo che non si possa fare niente di più stupido per allenare i tricipiti!! Esistono decine di alternative decisamente più sicure per l’articolazione della spalla.

Andiamo ad analizzare nello specifico l’esercizio. La corretta esecuzione dei dips prevede una perfetta stabilizzazione delle scapole che devono stare “basse” (le spalle devono essere lontane dalle orecchie per intenderci) e addotte (devono andare  verso il centro della schiena “chiudendo” la colonna vertebrale) per permettere alla testa dell’omero di lavorare rispettando la sua fisiologia articolare.

 

 

Inoltre per salvaguardare l’articolazione occorre fare un movimento con un range limitato (fare un movimento “completo” comporta una perdita fisiologica della stabilizzazione scapolare).

Per chi è in possesso del controllo del scapolare e padrone della corretta esecuzione, i dips rappresentano un valido esercizio per la tonificazione dei tricipiti…., ma chi invece non ne è provvisto cosa rischia…?

I guai ai quali si può andare incontro eseguendo scorrettamente l’esercizio sono molteplici, in quanto tutta la struttura articolare viene forzata in modo abnorme. La testa dell’omero viene spinta in avanti andando a creare un iper stress sulla cuffia dei rotatori (vera e propria cuffia muscolare che fascia la testa dell’omero che, tra le altre funzioni, ha quella di permettere una stabilizzazione attiva della spalla), il capo lungo del bicipite, l’articolazione acromion-claveare, il cercine glenoideo, solo per citarti i principali……

Vedo “atleti” improvvisati lanciarsi nell’esecuzione di questo esercizio e purtroppo anche personal trainers (o almeno persone che si spacciano come tali) che propongono i dips ai loro assistiti con una tecnica d’esecuzione abominevole….. 🙁 .

 

Ecco di seguito alcuni esempi di scorretta esecuzione.

 

 

 

 

Ora invece ecco un’esecuzione accettabile.

 

dips corretto

 

Notare nell’immagine che le scapole sono addotte (chiuse verso la colonna vertebrale) e il movimento è limitato per evitare l’anteposizione delle spalle. La differenza con gli esercizi qui sopra è evidente.

CONCLUSIONI

Se non sei più che certo di fare i Dips con una tecnica d’esecuzione ottimale…., evitali perchè il rapporto rischio/beneficio non è vantaggioso… Per la tonificazione dei muscoli tricipiti ci sono tante altre alternative decisamente più sicure per l’articolazione della spalla…. 😉

Per oggi è tutto, ciao a presto 😉

Se vuoi approfondire l’argomento…., non esitare a lasciarmi un commento, sarò felice di risponderti 😉

P.s.: ti ricordo che sono aperte le iscrizioni per la nuova edizione del mio Corso dal Vivo CreAttività Sempre Fitness, il primo unico corso in Italia che ti fornisce la “cassetta degli attrezzi” per gestire in piena autonomia il tuo allenamento e la tua alimentazione! 😉

Clicca qui per saperne di più!

 

Questa settimana voglio analizzare il “caso” di Gaia, una lettrice del blog che mi chiede “aiuto” per avere qualche dritta riguardante il suo allenamento e la sua alimentazione. Ecco cosa mi ha chiesto Gaia:

“Ciao Marco, cercavo qualche consiglio su internet e sono finita sul tuo sito che trovo molto interessante, una buona lettura da approfondire. Mi piacerebbe mi dessi qualche consiglio sulla mia alimentazione e sul mio allenamento.

Per quanto riguarda gli allentamenti cerco di essere costante e ne faccio come minimo 2 e se riesco 3 o 4 a settimana. Di solito durano un’ora, un’ora e mezza, a seconda del tempo che ho. Comincio sempre con una mezz’ora di cardio che può essere corsa, camminata veloce con pendenza, cyclette o step…. li alterno perchè con la corsa mi stufo subito! Alle volte faccio 15 min di uno e 15 min dell’ altro (non so se sia corretto…).

Nel tempo che mi rimane faccio un po di attrezzi: 3 serie da 30 con pesi leggeri di macchine per interno e esterno coscia, leg press… poi addominali quanti possibili e se ho tempo qualche esercizio per le braccia (con dei micro pesi!!!).

I miei obiettivi sarebbero perdita dei fianchi e delle cosce e aumento dei muscoli nei glutei che sono abbastanza piatti. Poi, dalle foto non si vede benissimo, ma a seconda della luce ho abbastanza cellulite.

Per quanto riguarda l’alimentazione a colazione mangio o una tazza di latte parz. scremato con cereali oppure 4 fette biscottate con burro e marmellata….

Di solito evito di mangiare fino a pranzo, dove prendo carne (prendo sempre pollo o tacchino) o pesce  (pesce bianco, diciamo, raramente salmone) e verdure (ci sono spesso purée di patate, spinaci con besciamella, verdure miste). Spesso anche un antipasto di riso o pasta (sono delle piccole porzioni, ma contengono solo un po di salsine dentro non meglio identificate….), ma mangiando in mensa ho comunque una scelta ampia e posso cambiare ogni giorno.

A merenda mi sto sforzando tantissimo per non sgarrare, ma è difficile perche pranzo verso l’una e ceno dopo le 9… purtroppo sono tentata da biscottini e porcherie varie… altrimenti mi porto uno yogurt magro.

La frutta non la mangio praticamente mai, tranne quella estiva tipo albicocche e pesce.
A cena  mangio o pesce o carne (piu spesso rossa) o insaccati (tipo fesa d tacchino o fesa di pollo, salame e altri non mi piacciono) e poi ancora verdure. Rarissiamente pasta o riso.

Non so se ti interessa, ma sono alta 1 m e 75 e peso 60 kg (non sono grassa, ma mal proporzionata).

Ti ringrazio in anticipo per la tua risposta e per il tuo tempo. Gaia”

Ecco come appare Gaia

 

 

 

Bene ora un po’ di risposte. Gaia mettiti comoda… 🙂 Ecco cosa vedono i miei occhi. Hai una tendenza genetica della distribuzione del grasso abbastanza uniforme, direi che sei quasi a metà strada tra essere androide (tendenza ad accumulare grasso nell’addome e nelle “maniglie dell’amore”) e ginoide (tendenza ad accumulare grasso nelle cosce e nei glutei). Se dovessi scegliere una delle due tipologie direi ginoide in quanto l’accumulo in cosce e glutei è maggiore.

Poi vedo una tendenza alla ritenzione idrica e un p0′ di cellulite oltre ad una uniforme ipotonia muscolare… Ti prego non odiarmi!!! 😀

Ora vediamo cosa c’è di sbagliato nella tua strategia:

1) Da ciò che mi racconti mi rendo conto che tu NON hai una strategia…., non hai un piano dettagliato da seguire, ma vai un po’ “a sentimento”. Questo non va assolutamente bene, l’ottenimento di un obiettivo specifico ha bisogno di un programma d’allenamento specifico…… Ti faccio degli esempi chiarificatori.., rileggi queste tue parole:

“Comincio sempre con una mezz’ora di cardio che può essere corsa, camminata veloce con pendenza, cyclette o step…. li alterno perchè con la corsa mi stufo subito! Alle volte faccio 15 min di uno e 15 min dell altro (non so se sia corretto…).

Nel tempo che mi rimane faccio un po di attrezzi: 3 serie da 30 con pesi leggeri di macchine per interno e esterno coscia, leg press… poi addominali quanti possibili e se ho tempo qualche esercizio per le braccia (con dei micro pesi!!!)”

Camminata, corsa veloce, step o cyclette……., non sono proprio la stessa cosa per il tuo obiettivo.., non si equivalgono…. Poi cosa intendi dire con 3 serie da 30 con pesi “leggeri”…..? Il carico che usi è sufficiente per creare il giusto carico interno….? Quanto tempo di recupero tieni da una serie e l’altra…? Cosa vuol dire “se ho tempo faccio qualche esercizio per le braccia”….!??!?!?! 😀

L’allenamento deve essere costruito ragionando su ogni dettaglio…., come la ricetta per un piatto prelibato…. Comportarsi come stai facendo tu equivale a cucinare un piatto “a sentimento”. Pensa se un cuoco impegnato nella preparazione di un piatto di spaghetti alla carbonara dicesse: “se ho tempo…, ci metto anche la pancetta…..”….. 😀 😀 Capisci bene che quando hai un obiettivo importante da raggiungere…, non c’è spazio per l’improvvisazione.

2) La tua alimentazione è strutturata in modo sbagliato sia per qualità del cibo, per distribuzione e per tempistica d’assunzione….. Semplicemente non rispetti i pilastri della corretta alimentazione. Solo un appunto…, le patate non sono da considerarsi verdura….., ma carboidrati al pari della pasta e mangiare gli spinaci con la besciamenlla non è una buona idea!!! 😀

3) Hai bisogno di organizzare i tuoi allenamenti combinando sia un lavoro aerobico a bassissima intensità (circa il 70% della tua riserva di frequenza cardiaca massima) alternato ad allenamenti di intensità media (prossimi all’85%). Inoltre devi dedicare almeno il 50% del tempo dei tuoi allenamenti alla tonificazione, privilegiando esercizi multiarticolari a corpo libero in un range di forza resistente (15/20 rip max).

CONCLUSIONI

Gaia, hai una buona struttura scheletrica e delle proporzioni corporee che possono essere maggiormente evidenziate. In questo post sono stato forse troppo “diretto”, ma a volte è meglio apprendere una “brutta verità” che una “bella bugia”…. Il tuo “disordine” alimentare e la programmazione, o meglio, la tua NON programmazione degli allenamenti, non ti mettono nelle condizioni di ottenere i benefici che ti aspetti e questo so che è alquanto frustrante….  Tutti i mesi mi contattano ragazze con i tuoi stessi problemi che “non sanno dove prendere” e per me è impossibile dare loro un aiuto concreto con qualche “consiglio” al volo……

Ricordati che senza una giusta strategia, senza sapere quali esercizi fare e soprattutto COME farli…., è impossibile raggiungere un obiettivo prefissato… Ora fallirei nella mia mission professionale (educare più persone possibile alla corretta manutenzione del corpo tramite l’allenamento e l’alimentazione) se non ti dicessi che il tuo livello di consapevolezza alimentare e motoria ti mette di diritto tra le “persone tipo” che dovrebbero frequentare il mio corso dal vivo CreAttività Sempre Fitness!!

Come non sai di cosa di tratta!!!?!?!?!?!?! 🙁

CreAttività Sempre Fitness è l’unico corso in Italia che ti dà la possibilità di imparare tutto ciò che c’è da sapere per programmare allenamenti ed alimentazione, per raggiungere i tuoi obiettivi!!! 😀

Guarda il video qui sotto per avere una piccola idea di cosa ti aspetta! 😉

 

 

Per oggi è tutto, ciao, a presto, al prossimo articolo! 😉

 

Corso CreAttività Sempre Fitness Marco Caggiati

 

E’ da talmente tanto tempo che mi immagino di scrivere questo post…, che ora che è arrivato il momento…, non mi vengono le parole… :-D. Erano anni che mi dicevo: “devo colmare il vuoto di formazione e di educazione in merito all’allenamento e all’alimentazione che vedo quotidianamente”.

Da almeno due anni a questa parte non è passato mese in cui non mi sono ripetuto che dovevo creare qualcosa di nuovo, un corso che educasse le persone a fare da sole a diventare indipendenti, capaci di Creare il loro allenamento e di gestire consapevolmente la loro alimentazione….

Come spesso accade quando desideri tanto una cosa…, quando si avvera non ti sembra vera….. 😀 e Venerdì scorso quando ho dato “il la” alla prima giornata del mio primo corso dal vivo “CreAttività Sempre Fitness” l’emozione era tanta! 😀

Ero emozionato perchè ero certo che i “pionieri”  avrebbero assistito e partecipato ad un corso senza precedenti a qualcosa che mai nessuno aveva visto prima, frutto di quasi 3 lustri di studio, sperimentazioni, considerazioni, allenamenti ed intuizioni.

Un po’ perché sono un ottimista di natura e un po’ perché gli argomenti trattati al corso sono “miei” quanto lo è la mia pelle…., non ho mai temuto di “fallire” di dire “cose fuori posto” anche se l’organizzazione di un percorso di tre giorni non è facilissimo….

Altre esperienze come formatore mi avevano “avvertito” che non sarebbe stata una passeggiata e 9 ore al giorno passate in piedi a parlare o di corsa a motivare mi hanno prosciugato ogni cl. di energia… 🙂 , ma ne e valsa la pena…., anzi  la “penissima”!!!!! 😀 😀

 

 

Vedere negli occhi di chi mi ha ascoltato la consapevolezza che aumentava ora dopo ora e gli sguardi che esclamavano: “cavolo…, questa proprio non la sapevo”, oppure ” perchè non me l’ha mai detto nessuno prima…?!?!??!” è stata per me benzina che entrava direttamente nelle vene, che mi dava la “carica” per proseguire con la giusta energia! 😀

CreAttività Sempre Fitness è stata un’esperienza professionale fantastica! Non c’è niente di meglio, almeno per me… 😀 , di costruire, “ingegnierizzare” qualcosa da zero, dal “nulla”, frutto dell’esperienza, delle intuizioni e creare qualcosa di utile che possa cambiare la vita delle persone! 😀

Lo scopo del corso era quello di fornire tutti gli “attrezzi” necessari per fare una corretta manutenzione alla “macchina uomo” e credo di essere riuscito nell’intento! Alla fine del corso tutti sono tornati a casa con una cassetta bella piena!! 🙂

A chi mi chiede..: “ma cos’è CreAttività Sempre Fitness? Cosa avete fatto?”,  faccio fatica a rispondere…, ma poi dico….: “pensa di essere in un castello medievale immerso nella natura dove impari a correre, camminare, tonificare, allungare, respirare, mangiare…, dove sudi, fatichi, condividi, programmi ……..divertendoti un sacco!!!!” 😀

 

 

 

Presto pubblicherò le testimonianze video dei partecipanti che valgono più di tutte le parole scritte fino ad ora….  😉

Mi sono già messo al lavoro della prossima edizione, ho già nuove idee da inserire ed altre da valutare……….. e non vedo l’ora di rendere consapevoli altre persone!

Per la buona riuscita di un corso…, la materia prima è fondamentale…., se non c’è la giusta energia…, anche la cosa più interessate diventa noiosa…. Ringrazio quindi, in rigoroso ordine alfabetico… 😀 , Alessia, Arnaldo, Cristina, Daniele, Flavia, Marco, Renato, Roberta, Roberto e Sergio per il loro impegno e l’energia che hanno profuso nel corso. Siete stati ottimi allievi!! 🙂

 

 

Un rigraziamento sincero anche a Cristina ed Emilio per l’ottimo lavoro svolto per la buona riuscita del corso!

Per oggi è tutto, buona manutenzione!! 😉

 

 

Il focus mentale di chi si dedica all’allenamento, soprattutto per diletto, è spesso direzionato verso obiettivi come la riduzione del grasso o dell’acqua in eccesso, il miglioramento della resistenza, della massa muscolare o il tono dei muscoli addominali. In pochi però si chiedono quanto sia importante acquisire delle “abilità motorie specializzate” nella vita di tutti i giorni  per garantirsi un duraturo stato di buona salute.

Le abilità motorie specializzate sono degli schemi motori specifici che il cervello recluta per rispondere a diverse necessità motorie. Più è ampio il bagaglio motorio di un individuo e meno facilmente si può trovare in difficoltà nella vita di tutti giorni.

C’è una zona nel nostro cervello, chiamata corteccia motoria, da dove partono gli input nervosi verso la muscolatura scheletrica per generare i movimenti che ci servono (correre, scrivere, saltare, mangiare ecc.).

Essere “destri”, ovvero avere destrezza (abilità), ti permette di trovarti a tuo agio in più situazioni motorie rispetto ad una persona poco abile…

Essere “destri” non è importante solo in ambito sportivo, ma lo diventa anche quando meno ce lo aspettiamo, quando una situazione imprevista ci obbliga a rispondere con destrezza, come, per esempio, quando, per strada, devi attraversare velocemente o oppure ti si pone davanti un ostacolo.

Le reazioni del tuo cervello all’imprevisto possono essere diverse in base al tuo livello di destrezza (esperienze motorie) e possono spaziare agli antipodi causando una caduta rovinosa, oppure salvandoti in extremis con un movimento repentino del corpo….

Il confine fra farsi male e “scamparla” corre tutto sui tuoi engrammi motori…… 🙂 Ora immagino tu voglia sapere cos’è un Engramma vero…?? 😀 Ti accontento subito 😉 .

Un Engramma è una traccia permanente impressa nel cervello e funziona come un “file” stivato nel tuo PC… Ogni volta che hai bisogno di quel file non devi fa altro che “cliccare” e aprirlo…, senza nemmeno prenderti la briga di usare il Mouse…, devi solo pensarlo…….. 🙂

La tua corteccia cerebrale è piena di engrammi…, o meglio è ricca di engrammi quanto le tue esperienze motorie lo sono state e lo saranno in futuro… Maggiore è il bagaglio motorio di un individuo e maggiore sarà la sua “biblioteca” di engrammi… Aver acquisito molti engrammi significa essere “destri”, averne pochi… essere “maldestri”…… 🙂 .

Vuoi un esempio di engramma per capire ancora meglio…? 🙂

Prendi il gesto della pedalata su una biciletta, della pattinata o di una battuta con la palla da pallavolo……, sono tutti engrammi! Nessuno nasce con la capacità intrinseca per riuscire a riprodurre questi schemi motori…., ma, con l’allenamento dopo una serie di esecuzioni il processo d’apprendimento arriva al suo compimento. Una volta registrato l’engramma…., può essere richiamato per sempre tutte le volte che vorrai…

E’ come andare in bicicletta…, una volta imparato puoi anche non cavalcare la bicicletta per anni…, ma quando arriverà di nuovo “il momento”, dopo qualche pedalata “imbarazzata”, filerai via liscio come quando eri un bambino….!! 😀 😀

A te spetta quindi l’onore e l’onere di riempire di engrammi la tua vita…. Ho visto decine di persone in vita mia farsi del male perché erano goffe e maldestre perché, invece di esercitarsi e di “giocare” con il proprio corpo ed insegnargli più cose possibili (come si dovrebbe fare con i bambini..), hanno preferito “grattarsi le dita dei piedi sul divano”…… :-)..

Più movimenti/engrammi impari e più abile diventi…. Ti piacerebbe sapere quali sono i migliori engrammi che dovresti acquisire……? Mi spiace deluderti…, ma non ne esistono di “migliori” o “peggiori”…….., sta a te sperimentarne il più possibile…. impara a fare “girare le tre palle”,  fare la verticale sulle mani, arrampicarti su una pianta, fare una capovolta, usare lo snowboard, gli sci, lo skateboard, la moto….!!! Decidi tu…….. 😀

Ti do solo un consiglio…., inizia dalle cose facili e vai in progressione………, niente back flip sugli sci, se freni ancora a “spazzaneve”… Giusto per intenderci….. 😀

E tu quanti engrammi hai inciso nella tua corteccia motoria? Quanto è ampia la tua area di comfort motorio? Ti senti al sicuro..?

Per oggi è tutto, ciao a presto!

P.s. a proposito di engrammi e di area di confort motorio…., sono tutte cose che tratterò al mio nuovo corso dal vivo CreAttività  Sempre Fitness 😉

 

Subscribe to Allenamento Fitness


Video & Audio Comments are proudly powered by Riffly